Tags 

La  zona collinare situata tra Brescia e l'estremità meridionale del Lago d'Iseo è conosciuta come Franciacorta  ed è rinomata sia per la dolcezza del paesaggio, sia per la produzione di vini.

È una delle due zone italiane a vocazione spumanticola. La produzione e commercializzazione di bollicine è andata assumendo un'importanza sempre maggiore negli utimi anni, tanto da fregiarsi del marchio Docg. Il nome "Franciacorta" è pertanto diventato ultimamente sinonimo di vino spumante Docg prodotto nei numerosi vigneti della zona e conosciuto in tutto il mondo per l'altissima qualità raggiunta.

l territorio per lo più collinare e anticamente cosparso di boschi è stato ultimamente trasformato con l'impianto di numerosi vigneti che ne caratterizzano la peculiarità. Gli enti locali sono impegnati a salvaguardarne l'aspetto paesaggistico e conservativo sia dal lato fisico che dal punto di vista storico-culturale: numerose infatti le testimonianze architettoniche dell'antichità (monasteri, chiese, abbazie, ville e castelli dell'epoca medioevale).

L’origine del termine Franciacorta deriva da “curtes francae”, cioè quelle piccole comunità di monaci benedettini insediate nell’Alto Medioevo in zona collinare vicino al Lago d’Iseo che erano esentate dal pagamento dei dazi, ai Signori e al vescovo, per il trasporto ed il commercio delle loro merci in altri Stati o possedimenti, poiché i frati erano dediti alla bonifica dei territori assegnati e istruivano i contadini alla coltivazione dei campi. Infatti le “curtes” erano i principali centri di commercio dell’epoca. Su queste colline, tuttavia, la coltivazione della vite ha origini remote, come testimoniano i rinvenimenti di vinaccioli di epoca preistorica e gli scritti di autori classici, quali Plinio, Columella e Virgilio. All’epoca romana risale il materiale archeologico più importante ritrovato in Franciacorta, come il grandioso architrave di tempio che, proveniente da Erbusco, fu portato a Brescia e murato a vista nella facciata del palazzo del Monte di Pietà di Piazza della Loggia.

Ricavato da un cascinale del quindicesimo secolo l'Agriturismo Il Castignolo è immerso nel verde delle colline della Franciacorta, facilmente raggiungibile dalle principali arterie stradali. La sapiente ristrutturazione, avvenuta di recente,  ha saputo ricreare una calda atmosfera di ospitalità, fatta di preziosi dettagli, dove nulla è lasciato al caso.. dalle sale presentate con gusto e accuratezza, in un'oasi di fiori e di colori alle camere spaziose e luminose, alla suggestiva area di ristoro, caratterizzata da travi di legno, mattoni a vista e fantastici dipinti, dove  vengono proposti i piatti tipici del territorio e altre golosità elaborate con perizia e inventiva dallo chef. La struttura è adatta a chi si intrattiene per lavoro o per chi vuole rilassarsi non rinunciando ai comfort.

In azienda si coltivano frutti di bosco, ortaggi e olivi  e nel parco faunistico dell'agriturismo si allevano ovini, caprini, equini, cavalli e bufali.

Dall’agriturismo Il Castignolo si puo’ raggiungere, a piedi, il Castello Quistini, antico maniero  del 1560 unico nel suo genere.

Una residenza di campagna fortificata circondata da mura e torrioni che ne delimitano il perimetro.
All'interno del castello si possono ammirare meravigliosi giardini, dove i profumi e i colori si fondono nell’ l'atmosfera di un sogno antico.
In oltre
10.000 metri quadrati si può visitare il primo Giardino Bioenergetico realizzato in Italia, il Giardino Segreto delle Ortensie, il Brolo, Giardino dedicato alle piante da frutto moderne e antiche, il Labirinto di Rose e il Giardino all'Inglese. Nei giardini è presente una stupenda collezione con più di 1500 varietà di Rose Antiche, Moderne, Inglesi e Botaniche.

Agriturismo Il Castignolo di Lazzaroni Marika - Via Castignolo 51 Lodetto di Rovato (Brescia)

Telefono 0307702685 - 3283379704 - 0307254245