Un'Italia a tavola

scaffettuni cu a nduja..la proposta del Rist.Orto della Signora-Villapiana (CS) per Un'Itàlia

La 'Nduja è un tipico salame calabrese morbido e particolarmente piccante. Storicamente la 'nduia è un piatto povero, nato per utilizzare gli scarti delle carni del maiale.Si consuma spalmandola su fette di pane abbrustolito, meglio se calde, o come soffritto per la base di un ragù

TORTA DI MELE NESTE..la proposta dell'Agrit Il Praticino-Arezzo_ per Un'Itàlia

È  la mela più conosciuta in Toscana, essendosi adattata a condizione impervie; inoltre, potendo essere conservata fino alla primavera, rappresentava una risorsa per le popolazioni dell’Appennino e faceva parte dell’alimentazione povera.

Pubblicazioni News

22

A Dummeneca almeno me voglio cunsulà, già a sera  d’ o sabbato ca cucina tutta mia o Ragù vaco a preparà!!
Forse nun sarraggio nu cuoco sopraffino ma m’arrangio,me piace e magnà.
Che bellezza è fa tutte l’aroma  spezzettate peccerelle pè falle addurà int’a nu specchio d’uoglio cu nu poco e ‘nzogna. A cipolla e l’aglio e faccio ‘ndorà  a  carne e vitiello mmacenata faccio arrosolà, ce metto pure e ritagli e puorco e pollo
e a vvote nu cutechino .piccante  E pitto tutt ‘e russo cu nu bicchiere e vino.
Ma a cosa chiù bella è o russo da salza e pummarola , chella fatta int’e juorni e sole e l’estate passata, profumata e vasinicola e ammore. Mò tutto è pronto, o’ fuoco è appicciato, a fiamma vascia, e lasso tutto là a puppulià tutta a notte e a matina ambressa me trovo nu tesoro ca sulo l’addore dice e ma magnà , e a cosa chiù sfizziusa è na fetta e pane frisc’, magari chillo e na vota fatto into o furno e casa , co sugo ncoppa na foglia e vasinicola
e nu bicchiere e vino e a vita se arrecrea appena fatt’ juorno.
Ma po se fa mieziuorno e o primmo s’addà fa,  e che ce sta e meglio de zite pe no raù accussi’.
 E zite s'hanno spezzà a mmano e e piezz’ piccirilli so e cchiù sfizzius’ a truvà int’o piatto a fine e a se magnà ,  e o bello è de piglià co sugo rimasto cu nu muorzo e pane …
a scarpetta è d’obbligo nun tà può scurdà.  Ecco, m’accuntento e poco, ma cu stu piatto nu Rre me sento!!!

Ingredienti per  4 persone:
500 g e ziti, 250 g di  primo taglio e vitello macinato,1 cucchiaio di sugna,1 fetta di  prosciutto di maiale,Pezzi di pollo,2 spicchi di aglio,2 cipolle,1 carota,1costa  di sedano
4 cucchiai di olio,2 belle bottiglie di salsa San Marzano,1 bicchiere e vino rosso
Belle foglie di basilico

preparazione
Fare un trito sottile di carote aglio cipolle sedano e farle indorare nell’olio e il cucchiaio di sugna,aggiungere le carni e farle rosolare salando e pepando,sfumare con il vino rosso .Una volta che il vino  evaporato unire la salsa e aggiungere 2 bicchieri di acqua e lasciar cuocere per molto tempo,questa operazione deve essere fatta la sera prima per far si che il pomodoro ottenga tutti i sapori degli altri ingredienti. Nel frattempo che l’acqua bolle, spezzare in un colapasta i Ziti in 5 parti ,in questo modo dai tagli si ottengono dei piccoli frammenti. quelli sono la parte pi sfiziosa e buona della pasta. Far cuocere i acqua salata e scolare al dente e condirli con il sugo, metterli in piatto e servire con un altro poco di sugo, una grattugiata di parmigiano e foglioline di basilico.

 codici qr

Pubblicato in: Un'Itàlia
2317

Sapori dimenticati

Il "Frico" Friulano

La prima ricetta scritta, con il nome di “Caso in patellecte” si trova nel “Libro de arte coquinaria” di Maestro Martino

In Italia non si conoscono più le varietà ortofrutticole e abbiamo un'alimentazione che si è impoverita.

La meccanizzazione dell’agricoltura ha spazzato via le vecchie varietà ortofrutticole


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.