Un'Italia a tavola

Umbricelli fatti a mano con broccoli, pomodorini e caciotta fresca. ..la proposta del Ristorante "Il Paiolo"-Perugia, per Un'Itàlia

Il nome “umbricelli”, grossi spaghetti fatti a mano con farina e acqua,deriva dal dialetto perugino “umbrico” che significa “lombrico”, per la loro forma lunga e arrotondata, appunto come un lombrico.La pasta deve essere preparata al momento e cotta espressa.

Trippa a Primavera ..la proposta dell'AGRITURISMO CO.BR.AG.OR. per "Un'Itàlia"

E' m piatto semplice semplice, che s'ha da fa in primavera, quanno le fave ce fanno soride ne li campi, magara vicino ar pecorino der pastore ... e er carciofo, che spera de fiorì, viè corto ar matino nella bruma, fresco e croccante com'a pochi ... 'A trippa conclude sta questione, ar dente, saporita, nutriente ... e che fa bene, ar corpo e ar portafojo ...

Pubblicazioni News

03

I pizzarieddi sono un piatto tipico della cucina pugliese.
Il piatto è preparato con maccheroni cavati, modellati con un tipico arnese di ferro (detto frizzulu o catùru) conditi con sugo di pomodoro o carne di capra o agnello

 

 

Dosi per 4 Persone
Ingredienti:
 500 Gr. Di Farina di grano duro
 Acqua q. b.
Procedimento:
Impastare la farina con acqua tiepida fin quando non si raggiunge la corposità giusta (né troppo morbida, né troppo dura). Lavorare e stendere la pasta con le mani fino ad raggiungere la forma dei maccheroni, con il “Frizzulo” o meglio conosciuto come cava pasta per i “pizzarieddi” e con il pollice per le orecchiette,

La pasta, una volta cotta,  viene condita con sugo di pomodoro fresco e basilico.


Il tutto accompagnato dal nostro vino Primitivo di Manduria, che si adatta perfettamente al piatto in questione.

 prolocomanduria

Pubblicato in: Un'Itàlia
4212

Sapori dimenticati

Aglio orsino

Per le persone i cui spiriti vitali si risvegliano solo lentamente dopo il lungo  periodo invernale e per chi sente ancora nelle membra e nell’umore la fredda  stagione è caldamente consigliato l’aglio orsino, simbolo della forza

Il frutto dimenticato: la nespola

Nella tradizione contadina era considerato un frutto ricco di proprietà (in effetti è ricco di fibre, zuccheri, sali minerali, acidi organici e vitamina A). Ma non solo: i contadini se ne servivano anche per scandire il passare delle stagioni.


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.