Un'Italia a tavola

Pettole e picherchie (ceci) la proposta della ProLoco Casapesenna (CE) per Un'Itàlia

Per la maggior parte dei primi piatti è di fondamentale importanza la scelta del tipo di pasta, poiché la sua qualità e la sua forma sono in grado di far risaltare condimenti e sapori. le pettole,sono una pasta simile ai maltagliati, ma più grande e più spessa e assorbono  molto bene  il condimento

GNOCCHI DI PATATA DI ROTZO, RADICCHIO TREVIGIANO E LARDO DI MONTAGNA..la proposta del Rist.La Peca-Lonigo-VI- per Un'Itàlia

Rotzo (Vi) deve la sua notorietà sopratutto alla  sua patata che vanta un’antica tradizione agricola.Inizialmente coltivata come alimento per animali, finita poi, nel tardo '700, sulle tavole vicentine quale ingrediente protagonista nella  preparazione di piatti locali.

Pubblicazioni News

07

La cultura della trippa. Popolare e amatissima. Il brodo di trippa era assai corroborante e veniva consumato anche alle dieci di mattina.

Ingredienti per 4 persone
1,200Kg. di trippe già cotte
mezzo chilogrammo di pomodori o una bottiglia di passata di pomodori
250 gr di olive in salamoia
400 gr. di pancetta tagliata a cubetti
mezzo bicchiere di oli di oliva extra vergine
3 bicchieri di vino bianco
1 litro di brodo di carne

la trippe gia cotte vanno tagliate a listarelle, lavate con acqua e aceto e scolate molto bene.
Rosolare le trippe in olio per almeno 10 minuti. Aggiungere il vino bianco ed appena sfumato la pancetta a cubetti e le olive. Farle insaporire per almeno 10 minuti
Aggiungere i pomodori ola passata e ricoprire il tutto con il brodo di carne.
Lasciar cuocere a fuoco lento per almeno un’ora avendo cura di rimescolare spesso.
Le trippe debbono essere ben cotte ma non asciutte.
Servire con abbondante spolverata di formaggio parmigiano e per chi lo desidera insaporire con peperoncino o pepe.

Pubblicato in: Un'Itàlia
1738

Sapori dimenticati

Il finocchio selvatico

È stata una delle piante più usate nell'antichità ai fini della conservazione delle derrate alimentari. Già i romani lo seccavano e mettevano nelle anfore ricolme di fichi secchi, olive o erbaggi sotto aceto.

Il frutto dimenticato: La Carruba

Simile al bacello del fagiolo, ma dalle dimensioni maggiori e dal colore brunastro, la carruba è un frutto che dopo aver dato per secoli il suo apporto alimentare a uomini e animali è finito nel dimenticatoio dei ricordi, sacrificato sull’altare del “benessere”.


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.