Un'Italia a tavola

U TOCO COI FASOI (Sugo con i fagioli) : la proposta ProLoco Arcolana (SP) per Un'Itàlia

Qui si parla di fagioli borlotti. Un tempo erano molto noti quelli di Mangia. E la Regione Liguria li ha messi nel suo atlante perché sono una delle cultivar più antiche.Arcola aveva tanta acqua e quindi una cultura forte del fagiolo fa parte del suo quotidiano

Cacciucco Livornese ..la proposta dello Chef M.Rongo-ristorante Aragosta-Livorno- per Un'Itàlia

Il cacciucco è un piatto a base di pesce, il più propriamente tipico della cucina livornese,numerose sono le ipotesi sulle origini del piatto: la piu' accreditata pare fosse quella che sia nato con gli avanzi della pesca rimasti invenduti. Naturalmente la caratteristica di questa zuppa di pesce tipica della città di Livorno è che il pesce sia della costa livornese per esprimere al meglio tutta la sua territorialità

Pubblicazioni News

07

La cultura della trippa. Popolare e amatissima. Il brodo di trippa era assai corroborante e veniva consumato anche alle dieci di mattina.

Ingredienti per 4 persone
1,200Kg. di trippe già cotte
mezzo chilogrammo di pomodori o una bottiglia di passata di pomodori
250 gr di olive in salamoia
400 gr. di pancetta tagliata a cubetti
mezzo bicchiere di oli di oliva extra vergine
3 bicchieri di vino bianco
1 litro di brodo di carne

la trippe gia cotte vanno tagliate a listarelle, lavate con acqua e aceto e scolate molto bene.
Rosolare le trippe in olio per almeno 10 minuti. Aggiungere il vino bianco ed appena sfumato la pancetta a cubetti e le olive. Farle insaporire per almeno 10 minuti
Aggiungere i pomodori ola passata e ricoprire il tutto con il brodo di carne.
Lasciar cuocere a fuoco lento per almeno un’ora avendo cura di rimescolare spesso.
Le trippe debbono essere ben cotte ma non asciutte.
Servire con abbondante spolverata di formaggio parmigiano e per chi lo desidera insaporire con peperoncino o pepe.

Pubblicato in: Un'Itàlia
1679

Sapori dimenticati

La Scorzonera

La scorzonera si sposa bene con il formaggio fuso:avvolgendosi nel formaggio, sprigiona il suo sapore dolce e contribuisce a creare un buon piatto, ricco di fibre e di calcio, apprezzato da tutta la famiglia. 

Le Mele di un tempo: Campanina e Calvilla

Le vecchie varietà di mele coltivate in Italia nei secoli XVI E XVII sono andate parzialmente perdute. In breve tempo, tra la fine del secolo scorso e l' inizio di questo secolo, sono state a poco a poco sostituite con nuove cultivar rispondenti alle mutate esigenze commerciali degli operatori frutticoli.


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.