Un'Italia a tavola

Pettole e fagioli con cotiche di maialino casertano..proposta dell'Hosteria Via Trentola-Marcianise-CE-per Un'Itàlia

Una cucina che nasce dalla tradizione locale e regionale dove “… sperimentazione e territorio si sposano con arditezza”

Un'Itàlia: i 150 piatti che più rappresentano la cultura gastronomica italiana

Ravioli alla selvaggina con sugo: L'idea del piatto è nata utilizzando i prodotti che la natura del nostro territorio ci offre, Selvaggina, funghi e frutti di bosco...proposto dal Ristorante Les Granges

Pubblicazioni News

07

La “fritüra”, il piatto sunese per antonomasia, richiama alla civiltà contadina del passato dove il maiale, e la sua uccisione alla fine  dell'autunno, era uno dei momenti più importanti e attesi dell'anno. Del maiale, come dice il proverbio, non si buttava via niente, e dalla sua carne nasceva una prelibatezza, la frittura, che con pochi e semplici ingredienti non poteva mancare sulle tavole di ogni famiglia sunese, soprattutto durante i lunghi mesi invernali, ma anche in occasione di festività o persino nei matrimoni. La “fritüra”, sinonimo di “sunesità”, era una tradizione in particolare a inizio novembre per la festa di San Carlo Borromeo, patrono della frazione Mottoscarone.

INGREDIENTI PER 4 PERSONE
500 g di lonza di maiale tagliata a fettine
100 g di burro
1 cipolla
1 spicchio d'aglio
1 rametto di rosmarino
½ dado
1 bicchiere di vino bianco
1 cucchiaio di passata di pomodoro
sale e pepe

PREPARAZIONE

Tritare l'aglio e la cipolla e far cuocere il soffritto assieme a burro e rosmarino.
Aggiungere la carne, cuocere e tenere mescolato finché la carne incomincia a diventare di colore bianco.
Aggiungere un bicchiere di vino e un pizzico di sale e pepe.
Quando il vino è quasi completamente evaporato sciogliere mezzo dado in acqua bollente e aggiungere un mestolo o due alla carne.
Aggiungere un cucchiaio di passata di pomodoro.
Lasciare cuocere una mezzora tenendo mescolato.
Quando la carne è ben cotta servire in tavola accompagnando magari la frittura con del fritto dolce e  un limone.

Pubblicato in: Un'Itàlia
1748

Sapori dimenticati

L'uva spina

La coltivazione dell'Uva spina risale al 1700; dall'Inghilterra le cultivar selezionate ben presto si diffusero in altri paesi Europei, specialmente in Germania. I frutti possono essere destinati al mercato fresco, anche se in genere sono utilizzati dall'industria alimentare per l'inscatolamento ed il confezionamento di gelatine e macedonie.

Il mirtillo

Il mirtillo nero è la varietà dalle proprietà più impressionanti, dato che contiene numerose vitamine, tra cui l’acido folico, la vitamina che rafforza l’organismo


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.