Un'Italia a tavola

Trippa a Primavera ..la proposta dell'AGRITURISMO CO.BR.AG.OR. per "Un'Itàlia"

E' m piatto semplice semplice, che s'ha da fa in primavera, quanno le fave ce fanno soride ne li campi, magara vicino ar pecorino der pastore ... e er carciofo, che spera de fiorì, viè corto ar matino nella bruma, fresco e croccante com'a pochi ... 'A trippa conclude sta questione, ar dente, saporita, nutriente ... e che fa bene, ar corpo e ar portafojo ...

U TOCO COI FASOI (Sugo con i fagioli) : la proposta ProLoco Arcolana (SP) per Un'Itàlia

Qui si parla di fagioli borlotti. Un tempo erano molto noti quelli di Mangia. E la Regione Liguria li ha messi nel suo atlante perché sono una delle cultivar più antiche.Arcola aveva tanta acqua e quindi una cultura forte del fagiolo fa parte del suo quotidiano

Pubblicazioni News

09

Il rinnovarsi dei festeggiamenti della Sagra del Rosario ha spinto l'Amministrazione , ed un gruppo di ristoratori noalesi, a promuovere la “Fiera dell’Anatra”, una rassegna gastronomica dedicata a questo simpatico pennuto.
Si è così riscoperta di un’antica tradizione noalese secondo la quale,  nel mese di ottobre, in occasione dei festeggiamenti del Santo Patrono, la Madonna del Rosario, era usanza portare sulle tavole piatti a base di anatra.

1 “anara muta” da 1,5 kg circa;
50 gr. di olio
30 gr di burro
alcune foglie di salvia
sale e pepe
1 bicchiere di vino bianco secco

L’anitra viene preventivamente spennata e ripulita delle interiora, salata all’interno e ricomposta. Tritate la salvia, amalgamandola con il sale ed il pepe e con questo composto cospargete l’anitra. Fatela rosolare a fuoco vivo nell’olio e nel burro, successivamente bagnatela con il vino bianco facendolo nel contempo evaporare. Cuocetela quindi nel forno bagnando di tanto in tanto con il fondo di cottura.

www.proloconoale.it

Pubblicato in: Un'Itàlia
2314

Sapori dimenticati

L'uva spina

La coltivazione dell'Uva spina risale al 1700; dall'Inghilterra le cultivar selezionate ben presto si diffusero in altri paesi Europei, specialmente in Germania. I frutti possono essere destinati al mercato fresco, anche se in genere sono utilizzati dall'industria alimentare per l'inscatolamento ed il confezionamento di gelatine e macedonie.

La Scorzonera

La scorzonera si sposa bene con il formaggio fuso:avvolgendosi nel formaggio, sprigiona il suo sapore dolce e contribuisce a creare un buon piatto, ricco di fibre e di calcio, apprezzato da tutta la famiglia. 


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.