Un'Italia a tavola

Agnello o cuturridd..la proposta Azienda Agrituristica Masseria Ruòtolo (Ba) per Un'Itàlia

Durante la  caseificazione che si svolgeva nell’antico camino in pietra della “lamia” (rifugio pastorizio in pietra del 1700) i pastori  preparavano un piatto tradizionale , cucinato in una pignata di terracotta (u cuturridd) a base di agnello o pecora ed una svariata  varietà di erbe e tuberi spontanei della Murgia

Tortello alla lastra ..la proposta della Pro Loco di Corezzo (AR) per "Un'Itàlia"

Il "Tortello alla Lastra" è una specialità gastronomica tipica della montagna tra Romagna e Toscana.particolarmente utilizzato nei periodi della transumanza per la sua capacita' di conservarsi e facilmente riscaldabile E' un piatto elaborato ma genuino, prodotto da quella singolare capacità, tipica della gente contadina di montagna, nel saper diversificare e combinare la monotonia dei pochi alimenti a disposizione in una ampia varietà di cibi dal gusto e dal sapore unico

Pubblicazioni News

10

Piatto tradizionale novese che trae le origini dalla festa del rione della S.S. Trinità (Via Cavanna – Via Collegio) dove era usanza prepararli con lo stampo che come incisione aveva l’occhio del Padreterno, in un secondo tempo trasformato a forma di fiore. E’ un piatto veramente da buongustaio, perché, come leggerete nella ricetta, niente è dettato al caso. Il disegno che si ottiene su questa lasagnetta tonda ha come scopo, non solo il piacere della vista, ma anche quello del gusto, perché gli incavi che si ottengono hanno la capacità di arricchire di sugo la pasta e nello stesso tempo non le permettono di scuocere

Ingredienti: per la pasta: gr. 400 di farina di semola di grano duro – 3 uova –vino bianco GAVI DOCG – un pizzico di noce moscata – sale; per il sugo: gr. 100 di salsiccia di maiale – gr. 40 di funghi secchi – un trito di sedano, carota, cipolla, alloro e rosmarino – passata di pomodoro – vino bianco GAVI DOCG – sale.
Preparazione: Impastate farina, uova, sale, noce moscata con il vino necessario per ottenere una pasta ben soda e lavoratela a lungo. Tirate la sfoglia piuttosto sottile e con l’apposito stampo ricavate i corzetti e lasciateli asciugare un poco su un telo. Preparate il sugo soffriggendo il trito in una pentola di terracotta con un po' d’olio, aggiungete i funghi ammolliti e il passato di pomodoro e lasciate cuocere. Se necessario aggiungete olio e burro crudo, e salate. Cuocete la pasta in acqua salata, colate e rosolate un minuto nel sugo. Servite subito

Pubblicato in: Un'Itàlia
1926

Sapori dimenticati

Il crescione

La sua coltura risale al XVIII secolo e non ha subito grandi evoluzioni. Tutti i lavori di raccolta e di manutenzione si effettuano ancora interamente a mano. Cresce nell'acqua e quando è coltivato su scala commerciale, il luogo di coltura deve essere alimentato esclusivamente con acqua di sorgente.

La pera cocomerina

Piccola, molto profumata, la Pera Cocomerina dal cuore rosso continuava a crescere indisturbata, sconosciuta ai più, dimenticata dal mercato.


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.