Un'Italia a tavola

ALISANZAS A SA 'OSINKA (reginette tradizionali di Bosa) proposta da Franco per "Un'itàlia"

Bosa, splendida località dell’oristanese propone, oltre al famoso Malvasia di Bosa DOC, piatti legati alla tradizione e ai prodotti locali. "sas alisanzas" una tipica pasta tirata a mano formata da strisce dentellate e regolari condita con un ragù di carne che qui chiamano "ghisadu"

Tortello alla lastra ..la proposta della Pro Loco di Corezzo (AR) per "Un'Itàlia"

Il "Tortello alla Lastra" è una specialità gastronomica tipica della montagna tra Romagna e Toscana.particolarmente utilizzato nei periodi della transumanza per la sua capacita' di conservarsi e facilmente riscaldabile E' un piatto elaborato ma genuino, prodotto da quella singolare capacità, tipica della gente contadina di montagna, nel saper diversificare e combinare la monotonia dei pochi alimenti a disposizione in una ampia varietà di cibi dal gusto e dal sapore unico

Pubblicazioni News

24

Il formaggio "IL FOSSA" di Sogliano al Rubicone deve il nome al fatto che la sua stagionatura avviene in ambienti sotterranei speciali, le "fosse", di probabile origine medievale scavati nel tufo

 

Ingredienti per 4 persone
Per il soffritto
 g      20 olio di oliva extravergine
 g    400 riso Carnaroli
 g    100 vino bianco aromatico Pagadebit
 g    750 brodo  vegetale

Procedimento
Scaldare l’olio di oliva extravergine e aggiungere il riso Carnaroli, farlo brillare delicatamente, bagnare con il vino bianco aromatico e farlo evaporare .
Unire gradatamente il brodo man mano che lo richieda .
A cottura quasi ultimata mantecare con il formaggio di fossa (150 g)


Per lo Scalogno di Romagna
 4  spicchi di scalogno
 g  200 sale grosso di Cervia


Procedimento
Prendere un foglio di carta da forno, stendere il sale grosso e sopra lo scalogno sbucciato, aggiungere un cucchiaino di olio extravergine di oliva. Chiudere il cartoccio e cuocere in forno a 180° per 20 minuti.
Una volta cotto tritare finemente e aggiungere alla marmellata di fichi caramellati.

Per i fichi caramellati
 4 fichi
 g 50 zucchero di canna

Procedimento
Sbucciare il fico in modo che la buccia sia divisa in 4 parti. Conservare le bucce che serviranno per la presentazione del piatto.
Mettere i fichi in un pentolino con lo zucchero di canna: cuocere il tutto senza mescolare a fuoco lento fino a che il composto assumerà un colore dorato.

Adagiare il risotto sul piatto in modo che formi un piccola fontana centrale in cui riporre  un cucchiaio di marmellata di fichi e scalogno.
Preparare una cialda croccante di formaggio di fossa cotta al microonde: stendere su piatto uno strato sottile di formaggio di fossa creando un disegno a foglia, porvi sopra una buccia  di fico e cospargere i bordi della composizione con semi di papavero. Cuocere al microonde a 750° per 50 secondi. Guarnire il piatto con la cialda adagiandola sopra la marmellata di fichi e scalogno.

www.hotelenea.it

Pubblicato in: Un'Itàlia
2419

Sapori dimenticati

Il frutto dimenticato: La Carruba

Simile al bacello del fagiolo, ma dalle dimensioni maggiori e dal colore brunastro, la carruba è un frutto che dopo aver dato per secoli il suo apporto alimentare a uomini e animali è finito nel dimenticatoio dei ricordi, sacrificato sull’altare del “benessere”.

La Melagrana dalle mille virtu'

Ogni popolo che ha conosciuto la melagrana le ha attribuito un particolare significato simbolico: nell’Antico Testamento è citata come uno dei frutti della Terra Promessa, per i Fenici aveva un valore religioso e così pure per i cristiani: il rosso della melagrana simboleggiava il sangue dei martiri e la carità


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.