Un'Italia a tavola

MǛTA ..la proposta della Pro Mottoscarone-Suna (NO) per Un'Itàlia

L’origine contadina del dolce prevedeva l’utilizzo dell’Uva Fragola tardiva o fatta appassire nelle cassette con conseguente perdita di acqua ed aumento della parte zuccherina. Era il dolce dei poveri Sunesi in quanto spesso non c’erano i fichi secchi a rendere piu’ armonioso l’impasto.Ancora oggi viene preparata da qualche massaia e da un ex-panettiere in pensione alla fine del mese di Agosto e Settembre per allietare la tavola in occasione dei festeggiamenti dei Santi Genesi patroni del paese.

Tagliatelle con gli stridoli.. la proposta dello Chef Maurizio della Tenuta Montespino (RN) per "Un'Itàlia"

Lo Stridolo è un'erba di campagna che si raccoglie da aprile a ottobre,che cruda non ha quasi  sapore ma...

Pubblicazioni News

24

Pare che le origini di questo piatto siano a Rovato, in Franciacorta, e risalgano al Cinquecento.

 

Ingredienti: (per 8-10 persone)
N° 1 Cappello di prete(copertina di spalla) di manzo del peso di 2 kg
5 litri di acqua
4 spicchi d’aglio
4 acciughe salate
1 cipolla piccola
2 dl di olio extravergine di oliva
50 gr di maizena o pane secco grattugiato finemente
poco sale
50 gr di burro

procedimento:
In una pentola capiente preparare un soffritto con il burro, le acciughe, l’aglio e la cipolla tritata finemente;aggiungere l’acqua,il sale e portare ad ebollizione.
Aggiungere la carne e togliere le impurità che verranno a galla per i primi 5 minuti;
cuocere a fuoco medio per 2 ore circa.
Aggiungere l’olio,il pane a pioggia(o la maizena diluita in poca acqua);cuocere ancora per 20 minuti muovendo la carne con frequenza per non farla attaccare.
Togliere la carne dal sugo di cottura, aggiustarne eventualmente la densità.
Servire il manzo a fette di 4-5 cm di spessore ricoperto dal sugo di cottura accompagnando con polenta o crostone di pane.

Pubblicato in: Un'Itàlia
1641

Sapori dimenticati

Il Melangolo

Gli Arabi lo coltivavano fin dal secolo nono e nei primi anni del secondo millennio lo importarono in Sicilia.

Le taccole

La taccola è una varietà di pisello della quale si consuma il baccello intero, particolarmente tenero e dolcissimo. I baccelli, larghi e piatti,  contengono semi molto piccoli e possono essere di colore bianco o verde.


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.