Un'Italia a tavola

Doba Cuneese ..la proposta del Rist.Le Fanfaron Bistrot-Torino-per Un'Itàlia

La doba è un stufato di manzo di origine francese; diventa una preparazione della zona cuneese poiché le donne si recavano nella confinante Provenza per la raccolta delle olive e della mimosa. Una ricetta molto semplice, ma di grande effetto, profumi e sapori "esotici".

Sa Suppa Thìniscolesa (Siniscolese) proposta da ProLoco Siniscola (Nu) per "Un'Itàlia"

Il piatto tipico della cucina tradizionale siniscolese si tratta di un piatto laborioso ricco di ingredienti che fa parte della tradizione culinaria  infatti arricchiva i menù di tutte le cerimonie in particolare non mancava nei banchetti nuziali.

Pubblicazioni News

27

piatto tipico della tradizione romagnola definito dai nonni piatto delle feste, perchè veniva mangiato per le feste del santo natale.

 

Impastate su una spianatoia la Farina con le Uova (sbattute con una forchetta), fino ad avere un impasto sodo, liscio ed omogeneo, che metterete a riposare per
circa 30 minuti avvolto in una pellicola (così facendo tutti gli ingredienti si amalgameranno in modo uniforme, così facendo l’impasto risulterà più facile da stendere (molto sottile) col Matterello. Nel frattempo che la pasta riposa  preparate il ripieno in una ciotola con la Ricotta, il Ravigiolo , Squaquerone, Caciotta di Mucca tenera,Parmigiano grattugiato, Noce Moscata, sale  e pepe,ottenendo un composto ben amalgamato. Dopo che avrete steso la sfoglia sottile,tagliatela con la rotella zigrinata ottenendo dei quadrati di circa 4/5 centimetri dove appoggerete sopra ad ognuno di esso un cucchiaino di ripieno,
chiudete a triangolo facendo bene aderire i bordiquindi con le dita unire le due estremità.
Cuocete in abbondate Brodo di Carne, oppure in acqua
Salata e condite con il ragù di carne.

 

Pubblicato in: Un'Itàlia
2181

Sapori dimenticati

Un frutto dimenticato: la giuggiola

 

Molti cibi,  nel tempo, sono stati abbandonati, venivano usati comunemente ogni giorno sulle tavole di contadini.

 

Aglio orsino

Per le persone i cui spiriti vitali si risvegliano solo lentamente dopo il lungo  periodo invernale e per chi sente ancora nelle membra e nell’umore la fredda  stagione è caldamente consigliato l’aglio orsino, simbolo della forza


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.