Un'Italia a tavola

Coniglio alla bergamasca ,,la proposta del Rist.La Sosta-Cisano Berg.sco (BG) per Un'Itàlia

La cucina bergamasca è semplice e varia.  La polenta taragna con l'umido di coniglio è un piatto della domenica ed è un abbinamento che si ha sempre piacere riassaporare e riscoprire

Polpette alla poverella con Farinella ..la proposta dell'Ass.Trullando di Putignano (BA) per "Un'Itàlia"

La Farinella è un alimento povero della civiltà contadina della Murgia a sud-est di Bari, composto da una mistura di orzo e ceci prima tostati e poi macinati. Viene utilizzato come addensante con sughi e brodi di verdure per così ottenere una crema gustosissima.

Pubblicazioni News

31

Il cacciucco è un piatto a base di pesce, il più propriamente tipico della cucina livornese,numerose sono le ipotesi sulle origini del piatto: la piu' accreditata pare fosse quella che sia nato con gli avanzi della pesca rimasti invenduti
Naturalmente la caratteristica di questa zuppa di pesce tipica della città di Livorno è che il pesce sia della costa livornese per esprimere al meglio tutta la sua territorialità

 

 

In una pentola inserire olio extra vergine, aglio, cipolla, peperoncino e salvia
Scaldare senza soffriggere tanto, inserire 400 gr di polpi veraci di media grandezza tagliati a pezzi piuttosto grandi aggiungere 400 gr di seppie anch’esse tagliate a pezzi grossolani
Aggiungere ½ bicchiere di vino possibilmente un rosso giovane della costa livornese (che poi si potrebbe abbinare al piatto)
A parte sfilettare n° 4 pesci da zuppa anche misti (tracine, pesce prete, scorfani, gallinelle) e preparare un brodetto di pesce con sedano carote, cipolla e 100 gr di concentrato di pomodoro
Continuare la cottura dei polpi e delle seppie aggiungendo il brodetto per altri 45 min a fuoco lentissimo
Quando la nostra base per il cacciucco sarà pronta cuocerci all’interno 4 cicale di mare, 4 trancetti di palombo, 4 pesci misti da zuppa non grandi 80/100 gr (tracina, pesce prete, scorfano, gallinella ecc…) e da ultimo i filetti che avevamo da parte.
Comporre il piatto prendendo delle fette di pane toscano raffermo tostato e agliato e metterle sul fondo di una scodella – adagiare sopra il pane la base di polpi e seppie – completare il piatto con gli altri pesci, palombo e cicale. Aggiungere del sugo e guarnire con salvia fresca.

 

www.aragostasrl.com

Pubblicato in: Un'Itàlia
2514

Sapori dimenticati

I Bruscandoli

Sono i giovani germogli del luppolo, così chiamati a Ferrara ma detti in altre regioni del Nord 'luertìs' o 'lovertìn'. Si raccolgono in primavera tra le siepi e negli incolti.

La mela d'Oriente: il kaki

Le prime notizie di questa specie risalgono ai Greci. Il nome Kaki compare in Giappone alla fine dello scorso millennio. Intorno alla metà del 1800 viene diffuso in America e Europa. I primi impianti specializzati in Italia sono sorti nel Salernitano a partire dal 1916, estendendosi poi in particolare in Emilia.


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.