Un'Italia a tavola

Risotto alla Monzese ..la proposta Luganega di Monza- VeranoBrianza per Un'Itàlia

E' un risotto preparato con la quasi ormai dimenticata salsiccia tipica monzese "la luganega di Monza". Una salsiccia di colore più tendente al bianco che al rosso, di dimensioni grosse e che al palato risulta molto delicata. I suoi ingredienti principali sono: carne di suino, grana padano, brodo di carne e marsala.

Pizza allo Scarpariello ..la proposta della Pizzeria Saviello-Salerno- per Un'Itàlia

Nelle ricette Campane, non poteva certo mancare la Pizza! Proporre la classica Margherita sarebbe stato troppo banale, ed altrettanto banale sarebbe stato proporre qualcosa con effetti speciali e ingredienti costosi e di tendenza.

Pubblicazioni News

06

dolci tipici .di un territorio  ricco di mandorle e nocciole, preparati con frutta secca, anice e canditi da degustare assieme ad un buon vinsanto

 

Dosi per 6 persone: 500 gr. di farina, 250 gr. zucchero, 200 gr. di mandorle dolci, 200 gr. di burro, 1 uovo intero e 4 tuorli, 150 gr. di canditi, 1 bicchierino di cordiale o anisetta, 1 pizzico di bicarbonato. 

Preparazione:
Tostare le mandorle leggermente in padella con un cucchiaio d’olio. Sbattere le uova con lo zucchero, unire la farina, il burro, le uova, i canditi ed un bicchierino di cordiale o di anisetta (si possono aggiungere anche semi di anice). Stendere l’impasto lungamente lavorato e farne una lunga barra regolare.
Lasciar riposare in frigo per 3 ore. Tagliare poi la pasta, così rappresa, in rettangoli di 2 cm. e metterli nella teglia al forno a 180°C per circa 20 minuti, girandoli alcune volte. Raggiunta la doratura i tozzetti sono pronti per essere offerti con un bicchierino di vinsanto.

 

www.stradadelvinotrasimeno.it

Pubblicato in: Un'Itàlia
1975

Sapori dimenticati

La Mela Cotogna..simbolo d’amore e di fecondità.

Introdotta in tempi antichissimi era già conosciuta presso i greci e i romani che la consumavano cruda con il miele o per produrre una specie di sidro, simbolo d’amore e di fecondità.

Gli strigoli

Questa erba selvatica poco conosciuta è caratteristica per il suo sapore leggermente amarognolo, e si raccoglie principalmente in primavera inoltrata, quando è fiorita, con i caratteristici fiori bianchi o rosa a palloncino.


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.