Un'Italia a tavola

Risotto giallo con luganega ..la propostya di Luganega di Monza di VeranoBrianza per Un'Itàlia

E' un risotto preparato con la quasi ormai dimenticata salsiccia tipica monzese "la luganega di Monza". Risotto che, la tradizione vuole, è d'obbligo mangiare l'ultimo giovedì di gennaio in occasione del rogo della Giubbiana. Una rimanenza di festa celtica durante la quale un fantoccio raffigurante una strega viene bruciato con un sottofondo molto rumoroso. Bruciandola ci si sarebbe protetti dagli influssi negativi e si avrebbe goduto di salute e prosperità

Manzo all'olio di Rovato..la proposta dell'assoc. Strada del Franciacorta (Bs) per "Un'Itàlia"

Pare che le origini di questo piatto siano a Rovato, in Franciacorta, e risalgano al Cinquecento.

Pubblicazioni News

09

La coltivazione dell’asparago bianco in Friuli Venezia Giulia viene praticata da lungo tempo.é uno dei prodotti agroalimentari tradizionali della Regione,protagonista principale di numerosi piatti tipici

 

per 6 persone
500 g. di pasta all'uovo tipo pappardelle (300 g. Farina, 3uova, un cucchiaio di olio)
200 g. asparagi bianchi,100 g. asparagi verdi
5 fette di pancetta affumicata tagliate a joulienne
una cipolla bianca fresca, brodo vegetale
sale, pepe ed olio extravergine colli di Caneva PN
formaggio Montasio stagionato grattugiato

Pelare gli asparagi,scartare il fondo e tagliarli a pezzi di un cm Tritare finemente la cipolla e fatela appassire con dell'olio extravergine di oliva,  allungate con del brodo vegetale, o acqua, e aggiungere gli asparagi bianchi e verdi per colorare il piatto, asparagi di Ovoledo,farli cuocere per dieci minuti
Rosolare la pancetta in una padella e incorporare gli asparagi. Scolare la pasta al dente e farla saltare con il sugo mantecare con il formaggio grattugiato.

Vino da abbinare: pinot grigio del Collio di Colle Duga
pinot grigio delle Grave Fornas di Bidoli
chef di cucina: Piero Santarossa Bepi Barbieri

Pubblicato in: Un'Itàlia
1825

Sapori dimenticati

Il frutto dimenticato... Il Mirabolano

I frutti del mirabolano sono sferici, con epidermide glabra, priva di tomento; ci sono varietà a frutto rosso e di mirabolano a frutto giallo
I fiori compaiono all’inizio della primavera, sono piccoli,con petali di colore bianco o rosato, singoli o riuniti in piccoli grappoli.

La cotognata

 Degli adulti, chi non ricorda una formetta di gustosa cotognata nella cartella di scuola? Da mangiare fresca o essiccata al sole, la cotognata un tempo era tra i "dolci" più diffusi


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.