Un'Italia a tavola

Frittelle alla maresina .. la proposta della Comunità Montana Agno-Chiampo (Vi) per Un'Itàlia

L’erba amara o matricale chiamata con un nome diverso in ogni borgo: amarella, erba madre, maresina, atanasia, tanaceto, conferisce un bel colore verde e un sapore amaro e aromatico ma gentile a queste frittelle  ed un inconfondibile sapore

Un'Itàlia: i 150 piatti che più rappresentano la cultura gastronomica italiana

Ravioli alla selvaggina con sugo: L'idea del piatto è nata utilizzando i prodotti che la natura del nostro territorio ci offre, Selvaggina, funghi e frutti di bosco...proposto dal Ristorante Les Granges

Pubblicazioni News

10

 

I protagonisti della cucina materana sono sopratutto legumi e verdure, ingredienti genuini che rispecchiano una vita contadina semplice. I lampascioni sono un prodotto che in tutte le preparazioni va cucinato con molta semplicità, poiché il già forte sentore di amaro è sufficiente per dare il tipico carattere che fa di questa radice una vera leccornia

 

INGREDIENTI PER 4 PERSONE

3 Uova  xl –
250 gr. di lampascioni –
50 gr di latte fresco intero
250 gr. di ricotta di capra  freschissima
120 gr di caciocavallo grattugiato
3 gr di semi di papavero
100 gr di pane grattato
Olio e sale q.b.

PREPARAZIONE –

Mondare e  pulire i lampascioni lasciandoli a bagno in acqua fresca per una notte intera  dopo averli incisi a croce .Sbollentarli in acqua leggermente salata e raffreddare

Separare le uova , gli albumi  dai tuorli  in due ciotole diverse , ungere  di olio extravergine d’oliva quattro cocotte da forno da 12 cm , passandole poi nel pane grattato , riempire con gli albumi montati lasciando al centro una piccola fossetta che riempirete con un impasto ottenuto di Lampascioni  ,50 gr. di ricotta ,50 gr. di caciocavallo e i tuorli rimasti  sbattuti , chiudere con gli albumi montati e infornare a 200 gr per 5 minuti e comunque fino a doratura del composto montato, preparare la crema di ricotta diluendola con il latte fino a renderla cremosa, su carta da forno  spolverare  4  cialdine di caciocavallo grattugiato e far dorare per 4 minuti in microonde alla massima potenza far raffreddare .
Sformare i soufle  sulla crema di ricotta  inserire la cialda diventata croccante di caciocavallo spolverizzare con semi di papavero e servire caldissimo.

( Da Ricetta Tradizionale Frittata ai lampascioni  - )

www.donmatteoristorante.com/

Pubblicato in: Un'Itàlia
2184

Sapori dimenticati

I Bruscandoli

Sono i giovani germogli del luppolo, così chiamati a Ferrara ma detti in altre regioni del Nord 'luertìs' o 'lovertìn'. Si raccolgono in primavera tra le siepi e negli incolti.

La cotognata

 Degli adulti, chi non ricorda una formetta di gustosa cotognata nella cartella di scuola? Da mangiare fresca o essiccata al sole, la cotognata un tempo era tra i "dolci" più diffusi


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.