Cibo e territorio.. un legame indissolubile

 

Pubblicazioni News

01

Gli Arabi lo coltivavano fin dal secolo nono e nei primi anni del secondo millennio lo importarono in Sicilia.

Oggi l'arancio amaro viene coltivato assieme a tutti gli altri agrumi, per i quali costituisce il migliore portainnesto. I frutti si trovano raramente sul mercato in quanto sono prevalentemente consumati dell'industria alimentare e farmaceutica. Il frutto intiero può essere utilizzato per preparare le famose marmellate e la frutta candita, la buccia viene impiegata in liquoreria (curaçao, amari). L'industria farmaceutica utilizza soprattutto la buccia per la preparazione di vari digestivi e tonici.

L'olio essenziale dell'arancia amara è un liquido etereo giallo paglierino o arancio, ottenuto dalla scorza. Come tutti gli oli essenziali presenta un gusto amaro, è parzialmente solubile in alcol a 96° poiché è prevalentemente costituito da limonene ed a differenza dell'olio essenziale di arancia dolce contiene linalolo e acetato di linalile. Favorisce l'appetito e la digestione.

I frutti si trovano raramente sul mercato in quanto sono utilizzati principalmente dall'industria alimentare per preparare marmellate e frutta candita. La buccia viene impiegata per preparare liquori e amari, digestivi e tonici

Marmellata di melangolo
Ingredienti
1 chilo di zucchero integrale di canna
Non li raccoglie nessuno perché non dolci; dunque si
potrà ottenere la materia prima gratis abbastanza facilmente.
Tagliare via le scorze senza la parte bianca (che si eliminerà).
Farle a pezzi sottili e far loro dare una bollita,
poi scolare. Al frutto togliere la pellicina e anche i
semini interni. Si calcoli un chilo di polpa per uno di
zucchero integrale di canna. Far bollire per un’ora
frutto, zucchero e scorze. Mettere a caldo sottovuoto
girando il vasetto a testa in giù su un asse di legno per
il raffreddamento sterilizzante.

Pubblicato in: Sapori dimenticati
5726

Un'Italia a tavola

“Infiggnulate” .. la proposta del Comune di Poggioreale (TP) per "Un'Itàlia"

Pagnottelle farcite di salsiccia, cipolla e pecorino, dal nome dialettale di “Infiggnulate” sono una ghiotteria che si trova solo a Poggioreale (TP)

Frittelle alla maresina .. la proposta della Comunità Montana Agno-Chiampo (Vi) per Un'Itàlia

L’erba amara o matricale chiamata con un nome diverso in ogni borgo: amarella, erba madre, maresina, atanasia, tanaceto, conferisce un bel colore verde e un sapore amaro e aromatico ma gentile a queste frittelle  ed un inconfondibile sapore

Sapori dimenticati

Le Mele di un tempo: Campanina e Calvilla

Le vecchie varietà di mele coltivate in Italia nei secoli XVI E XVII sono andate parzialmente perdute. In breve tempo, tra la fine del secolo scorso e l' inizio di questo secolo, sono state a poco a poco sostituite con nuove cultivar rispondenti alle mutate esigenze commerciali degli operatori frutticoli.

Il farro

Il farro è famoso per essere stato la base dell'alimentazione delle legioni romane che partirono alla conquista del mondo, Veniva usato principalmente per preparare pane, focacce (libum) e  polente


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.