Un'Italia a tavola

Gnocchi di patate al ragù d'oca della mietitura ..la proposta del Ristorante Nànà-Perugia-per Un'Itàlia

Nei secoli passati, per la mietitura, le famiglie contadine umbre usavano aiutarsi reciprocamente, riunendosi per la raccolta nei vari poderi e lavorando in gruppo, dimezzando così la fatica. Le massaie, in previsione dei pranzi da offrire ai vicini con riconoscenza per il grande aiuto, iniziavano ad allevare le oche già in inverno per farne degli splendidi, saporiti ragù.

Fettuccine tirate a mano con "li violatri" ..la proposta del Rist. Rifugio Perugia-Norcia-per Un'Itàlia

"Li violatri" ossia gli spinaci selvatici, ancora oggi vengono cucinati come gli spinaci coltivati, si trovano soprattutto intorno alla metà di maggio in quei luoghi dove le pecore hanno pascolato più a lungo.

Pubblicazioni News

23

Il mirtillo è un frutto ricco di proprietà che fin dai tempi antichi è stato molto utilizzato per curare diverse patologie. Esistono diverse tipologie di mirtillo, quelli più comuni ed utilizzati sono quello nero e il rosso.

Il mirtillo nero è la varietà dalle proprietà più impressionanti, dato che contiene numerose vitamine, tra cui l’acido folico, la vitamina che rafforza l’organismo, l’acido idrocinnamico, che neutralizza le nitrosammine cancerogene, e una grande quantità di antiocianine, che combattono i radicali liberi.

Il mirtillo rosso è ricco in vitamina C, ferro e fibre, aiuta a combattere le infezioni nelle vie urinarie, ed è molto utile quando il colon è irritabile e quando si soffre di emorroidi.

Potete preparare una superba marmellata di mirtilli, preparare una tisana di mirtillo o semplicemente gustarlo fresco in una coppetta, accompagnato da vari frutti di bosco

Il marchio di tutela "Mirtillo nero dell'Appennino modenese" identifica la produzione spontanea della specie Vaccinium myrtillus L., che cresce  nell'alto Appennino modenese. L'alta concentrazione in antociani lo rende particolarmente richiesto dall'industria farmaceutica

Marmellata di mirtilli

Mettere a macerare per alcune ore, in un contenitore di vetro, la stessa quantità di zucchero e mirtilli. Far poi cuocere a fuoco lento per circa 30 minuti avendo cura di mescolare spesso. Mettere la marmellata così composta ancora calda in barattoli di vetro e chiudere ermeticamente. Conservare al fresco

Pubblicato in: Sapori dimenticati
2183

Sapori dimenticati

Il cardo

Il Cardo è una pianta originario del Mediterraneo. Era coltivato già al tempo dei Romani; Plinio, nella sua “Storia Naturale”, lo annovera fra gli ortaggi pregiati.

Il farro

Il farro è famoso per essere stato la base dell'alimentazione delle legioni romane che partirono alla conquista del mondo, Veniva usato principalmente per preparare pane, focacce (libum) e  polente


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.