Un'Italia a tavola

Un'Itàlia: i 150 piatti che più rappresentano la cultura gastronomica italiana

Totani con patate E' il piatto che meglio esprime la doppia anima della Volpe Pescatrice: il contadino di Furore in Costa d'Amalfi, che lascia la collina quando ha fame per trasformarsi in pescatore  ...proposto da Hostaria di Bacco

Un'Itàlia: i 150 piatti che più rappresentano la cultura gastronomica italiana

Il liquore di liquirizia calabrese, classico ed esclusivo liquore della gastronomia regionale, è ormai una chicca facilmente reperibile nella distribuzione commerciale, o presso boutique del gusto che propongono prodotti tipici calabresi...proposto da sapori della sibaritide

Pubblicazioni News

23

Verdura in radice poco conosciuta, il cui sapore dolce e zuccherino è paragonato a quello dell'ostrica, dell'asparago o del carciofo. La barba di becco ha un sapore simile a quello della pastinaca e un colore bruno crema. Le sue foglie sono commestibili. I germogli sono deliziosi e ricordano l'indivia. Rinomata nelle zuppe, nei ragù o gratinata, si mangia anche fredda con vinaigrette. Può essere "glacé" come la carota o le cipolline. La barba di becco nera, chiamata scorzonera, è meno fibrosa e più saporita
Oggi, la barba di becco corrisponde alla scorzonera, una radice nera, come indica l'etimologia del suo nome: scorza nera. La coltura della scorzonera si effettua in terreni sabbiosi o limacciosi, in coltura irrigata. La semina si effettua in primavera, da metà aprile a maggio.
Le radici si raccolgono l'inverno successivo.
È necessario rispettare un intervallo di 5 o 6 anni fra due colture sullo stesso appezzamento.
Le radici sono molto rustiche. D'inverno, la pianta si sviluppa se la temperatura media è superiore a 7°C. La scorzonera ama i terreni profondi, un po' freschi e ricchi di humus. In un terreno sassoso, le radici diventano biforcute.

La scorzonera si sposa bene con il formaggio fuso:avvolgendosi nel formaggio, sprigiona il suo sapore dolce e contribuisce a creare un buon piatto, ricco di fibre e di calcio, apprezzato da tutta la famiglia.     

I grandi chef l'hanno fatta tornare di moda: con i tartufi o come contorno delle cappesante è semplicemente divino.

 

fonte www.fondazionebonduelle.org

Pubblicato in: Sapori dimenticati
3540

Sapori dimenticati

Il mito del Mirto

Il mirto fa la sua comparsa nella letteratura in tempi assai remoti: bisogna far ricorso alle splendide pagine della mitologia greca per trovare i primi riferimenti a questa pianta.

Il corbezzolo

Fiorisce in ottobre-novembre ed i frutti maturano nell'anno successivo alla fine dell'estate ed in autunno di modo che la pianta ospita contemporaneamente fiori, frutti immaturi e frutti maturi, il che la rende particolarmente ornamentale.


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.