Cibo e territorio.. un legame indissolubile

 

Pubblicazioni News

09

La doba è un stufato di manzo di origine francese; diventa una preparazione della zona cuneese poiché le donne si recavano nella confinante Provenza per la raccolta delle olive e della mimosa. Una ricetta molto semplice, ma di grande effetto, profumi e sapori "esotici".

 

Ingredienti per 4 persone
• 500 gr di spezzatino di manzo
• 2 cipolle,2 carote, un gambo di sedano
• 2 bicchieri di vino rosso
• 2 cucchiai di salsa di pomodoro
• 4 spicchi d'aglio, alloro, rosmarino, basilico
• salvia, buccia d'arancia, 4 chiodi di garofano, 2 bacche di ginepro
• sale, pepe, olio extra vergine d'oliva e burro

Soffriggere in olio e burro le cipolle tritate, l'aglio e le erbe aromatiche. Aggiungere la carne a spezzatino e farla rosolare.
Aggiungere le carote e il sedano tritato con il vino e la salsa di pomodoro.
Salare, profumare con pepe e noce moscata, chiodi di garofano e bacche di ginepro e con la buccia di arancia grattugiata.
Cuocere a pentola coperta lentamente per 2/3 ore.

  www.fanfaron.it
Pubblicato in: Un'Itàlia
1957

Un'Italia a tavola

Ciceri e tria (pasta e ceci salentina) la proposta di AnnaMaria Chirione Arnò FNPC Personal chef (LE) per Un'Itàlia

Tra tutte le cucine regionali italiane, quella salentina è senz’altro la cucina mediterranea per antonomasia.Proprio per questo, affascina e sorprende con un universo di cose buone e salutari che si combinano magicamente in una miriade di ricette facilmente replicabili.

I Vincisgrassi ..la proposta del Rist.Trattoria da Ezio-Macerata- per Un'Itàlia

Secondo alcuni questo piatto tipico del Maceratese , ma conosciuto nella tradizione in tutta la regione fin dall'Ottocento, vede la sua origine dall'inventiva del cuoco personale di un generale austriaco di stanza ad Ancona durante le guerre napoleoniche. Ma la ricetta era già documentata nel manuale gastronomico "Il Cuoco Maceratese" di A.Nebbia nel 1784

Sapori dimenticati

La Nocciola

Il nocciolo, ampiamente diffuso in tutte le regioni temperate dell'emisfero boreale, è stato uno dei primi fruttiferi utilizzati e coltivati dall'uomo, rappresentando già per le prime popolazioni nomadi un'importante fonte di energia.

Il frutto dimenticato... Il Mirabolano

I frutti del mirabolano sono sferici, con epidermide glabra, priva di tomento; ci sono varietà a frutto rosso e di mirabolano a frutto giallo
I fiori compaiono all’inizio della primavera, sono piccoli,con petali di colore bianco o rosato, singoli o riuniti in piccoli grappoli.


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.