Cibo e territorio.. un legame indissolubile

 

Pubblicazioni News

20

La Cantina Perlage, in collaborazione con Legambiente Valle del Soligo, ripropone il Cineforum “Il Cinema in Cantina”, questa volta in versione Green Edition.
I quattro film che sono stati scelti per l’occasione si snodano attorno al tema ambientale e saranno proiettati in quattro serate, ciascuna legata ad un colore, ad un gusto, ad un vino e ad un libro.
Si parte con la proiezione del primo docu-film Senza Trucco, Il documentario sulle donne del vino naturale, nella Serata Rosa, mercoledì 11 aprile alle ore 20.00. Ogni film verrà introdotto dalla lettura di un passo di un libro scelto dal gruppo Colibri di Farra di Soligo, legato ad uno dei temi del film e sarà seguito dalla degustazione di un prodotto tipico del territorio narrato nel film e accompagnato da un vino speciale di casa Perlage.
Mercoledì 18 aprile protagonista della Serata Gialla sarà La Transumanza della Pace, film che evidenzia la solidarietà e il risollevamento economico possibile attraverso la collaborazione tra i popoli. 

Ospite speciale della serata, il regista Gianbattista Rigoni Stern.
Mercoledì 2 maggio, durante la Serata Rossa, avremo Langhe Doc, documentario relativo al disagio edilizio nella terra del vino. Infine, l’ultima serata, il 9 maggio Serata Verde, sarà dedicata a Il vento fa il suo giro, fenomeno del cinema italiano d’autore degli ultimi anni, che racconta lo spopolamento dei paesini di montagna.


Tutte le serate si terranno in Cantina Perlage, in Via Cal del Muner 16 a Soligo, alle 20.00.
Un modo saporito per trascorrere assieme una piacevole serata primaverile all’insegna del cinema che si gusta con gli occhi…e con la bocca!

info

Pubblicato in: Eventi- serate
580

Un'Italia a tavola

Croste di polenta al forno ..la proposta dell'Agriturismo Bon Tajer-Lentiai (BL) per Un'Itàlia

Una volta non buttavano via niente che si potesse mangiare quando versavano la polenta sul tagliere mettevano "la cagliera" il paiolo su un angolo del larin camineto in modo che la crosta di polenta rimasta attaccata al paiolo si seccasse così da staccarsi e queste croste venivano mangiate cosi come un creker oppure nel latte al mattino o per fare piatti più elaborati

Carabaccia..la proposta del RISTORANTE TRE ARCHI-COLLE DI VAL D'ELSA -(SI) per Un'Itàlia

La carabaccia, citata da Cristoforo da Messisbugo nel ‘500, è descritta come “Carabazada”. Si narra che questa minestra fosse molto apprezzata da Caterina dei Medici che la portò alla corte di Francia

Sapori dimenticati

Un frutto dimenticato: la giuggiola

Il giuggiolo, il cui nome scientifico è Ziziphus zizyphus, è una pianta appartenente alla famiglia delle rhamnaceae ed è originaria della Siria. Venne introdotto in Cina e in India, dove viene coltivato da oltre 4000 anni. In Italia venne importato dai Romani.

Il cardo

Il Cardo è una pianta originario del Mediterraneo. Era coltivato già al tempo dei Romani; Plinio, nella sua “Storia Naturale”, lo annovera fra gli ortaggi pregiati.


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza nessuna periodicità. Pertanto, non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della Legge n. 62 del 7.03.2001.