Proposto da: Consorzio ProLoco Valle di Ledro
Caponec

 
 


La cucina della Valle di Ledro non differisce molto da quella tradizionale trentina, annovera però alcuni piatti locali molto appetitosi e sostanziosi, come la polenta di patate, la peverà e i caponec

 
 

Proposto da: Proloco Termoli
A' frettate chi lecette.. (frittata con alici)

 
 

Tutto il sapore del nostro mare in un piatto...

 
150 piatti, 150 territori » Primi »  piatto tradizionale Dettagli
  
Ciceri e tria (pasta e ceci salentina)
Proposto da:  

AnnaMaria Chirione Arnò 


via Lupiae n.29

73100

Lecce


Sito web:   www.ilgustodeltacco.it
     

 

 
Descrizione:
 

Tra tutte le cucine regionali italiane, quella salentina è senz’altro la cucina mediterranea per antonomasia.Proprio per questo, affascina e sorprende con un universo di cose buone e salutari che si combinano magicamente in una miriade di ricette facilmente replicabili. Anche in fatto di pasta, gli ingredienti non sono altro che: farina di grano o orzo poco raffinati, acqua, sale. E via con orecchiette, "minchiareddi" (maccheroni), "sagne 'ncannulate" (sorta di tagliatelle attorcigliate), cavatelli e "tria".. appunto
tratto da "Il Gusto del Tacco" di A.M. Chirone Arnò

 
Preparazione:
 

Ingredienti per 6 persone
Per la pasta 300 grammi di farina di grano duro,acqua
Per il condimento:
300 grammi di ceci, costa di sedano,1 spicchio d'aglio
1 carota,1 pomodoro,poche foglie di prezzemolo
mezzo bicchiere d'olio extra-vergine d'oliva, sale,pepe
______________________________
Per la pasta (detta appunto tria) mischiate acqua e farina fino ad ottenere un impasto compatto ed elastico. Stendete una sfoglia sottile e ritagliate delle strisce come piccole tagliatelle.
Tenete a bagno i ceci dalla sera prima, e la mattina metteteli in una pentola con gli odori, coprendoli almeno di due dita d'acqua e avendo cura, durante la cottura, di controllare che il suo livello rimanga sempre costante, aggiungendone altra quando sia necessario, sempre molto calda.
Fate cuocere a fiamma dolce per almeno tre ore, salate per ultimo. In un pentolino mettete l'olio e friggete, fino a dorarlo, un terzo della “tria”.
Aggiungete nella pentola dei ceci la rimanente pasta e portate a cottura rimestando attentamente.
Prima di servirla, aggiungete la tria già fritta insieme al suo olio e continuate la cottura per un minuto. Spegnete, versate un filo d'olio e macinate del pepe bianco.

 
a questo piatto è stato abbinato il vino:
 

Piatto n.78

ARUCA SALENTO IGT  2008 AZ. AGR. SANTI DIMITRI DI VINCENZO VALLONE   GALATINA  LE medaglia argento 2009

 
 
 
 
  Filo diretto con AnnaMaria Chirione Arnò  
 
Invia
 
     

 

 

 

Prodotti 53/89

Next >>

Ricerca

 

Proposto da: Proloco Termoli
Fiadone

 
 

Il fiadone è un tipico prodotto  abruzzese e molisano che si prepara per le feste pasquali, anche se si consuma tutto l’anno, sia nella versione salata, più diffusa nelle aree litoranee, che dolce, più diffusa nelle aree interne.

 
 

Proposto da: Pro Loco Oliveto Lucano
Scarpedd

 
 

Piccole frittelle  insaporite con del "vino cotto", ottenuto dalla bollitura del mosto dell'uva nel periodo della vendemmia

 

 
 

Proposto da: Pro Loco Cecchina
Ciambelline al vino.

 
 

La cucina tradizionale di Albano è molto legata a quella romana, ma conta anche piatti propri che utilizzano il broccolo di coltivazione locale, una varietà dal gusto più delicato (broccolo attufato, lesso coi broccoli), dolci che legano con il vino dei Castelli (ciambelline al vino) e quelle pietanze "povere", tipiche di un'antica cultura contadina, che utilizzano i prodotti dell'orto e le parti meno nobili della macellazione