Proposto da: Consorzio ProLoco Valle di Ledro
Caponec

 
 


La cucina della Valle di Ledro non differisce molto da quella tradizionale trentina, annovera però alcuni piatti locali molto appetitosi e sostanziosi, come la polenta di patate, la peverà e i caponec

 
 

Proposto da: Proloco Termoli
A' frettate chi lecette.. (frittata con alici)

 
 

Tutto il sapore del nostro mare in un piatto...

 
150 piatti, 150 territori » Secondi »  piatto tradizionale Dettagli
  
Croste di polenta al forno
Proposto da:  

Agriturismo Bon Tajer 


Via San Gervasio 112/a

32020

Lentiai (BL)

0437-751105


Sito web:   www.bontajer.it/
     

 

 
Descrizione:
 

una volta non buttavano via niente che si potesse mangiare
quando versavano la polenta sul tagliere mettevano "la cagliera" il paiolo su un angolo del larin camineto in modo che la crosta di polenta rimasta attaccata al paiolo si seccasse così da staccarsi e queste croste venivano mangiate cosi come un creker oppure nel latte al mattino o per fare piatti più elaborati

 
Preparazione:
 

Per 4 persone:
80 gr di  croste di polenta ( la crosta che rimane attaccata al paiolo dopo aver versato la polenta)
300 gr di ragù fatto con il pastin ( inpasto del salame fresco “piatto tradizionale bellunese” ) 400 gr di ricotta,200 gr latte
50 gr di formaggio stravecchio grattugiato
Prima si fa il ragù con fondo di verdure “Pastin pomodoro e brodo, poi si stempera la ricotta con il latte in modo da creare una crema.
Si prende un tegame di terracotta si unge con burro e si inizia a versare 2 cucchiai di ricotta stemperata 2 di ragù una spolverata generosa di formaggio grattugiato e si copre con le croste di polenta e si procede a strati alla fine si mette in forno a 190° per 10 minuti e si serve il tegame direttamente in tavola

 

originale dialettale


Par quatro anime:
    80 gr de croste de polenta (quele che le é atorno a la caliera bele fine, opur se compra quele fate « croste de polenta Bon Tajer »)
    300 gr de ragù fat col pastin
    400 gr de puina
    2 bicer de lat
    50 gr de formai vecio gratà


Prima de tut se fa an tocio come al ragù (però se dopera el pastin al posto de la carne de vaca).
Dopo se misia la puina col lat fin che la deventa na crema, se tol na tecia de teracòta, se la onde co an poc de butiro, se met  do cuciari de crema de puina e doi de  tocio de pastin, se spiana e se met na springada de formai vecio gratà.
Se querde co an poche de croste e se ripete come prima: puina, tocio, formai, croste e avanti fin che se finis col tocio  puina e formai.
Se met te’l forno calt forte par 20 menuti.
Se se pol, l'é ‘ncora meio meterghe al so quercio a la tecia,  poiarla tel larin, querderla co an poche de bronze e zendro par na bona meda ora.
No te dighe al gusto che l'é desquerder la tecia dal zendro, tirarghe via al quercio e sentir al baòr che gnen su.
Se ha belche magnà co’ quel.

 
a questo piatto è stato abbinato il vino:
 

Piatto n. 113

CRODA RONCA COLLI DI CONEGLIANO  DOC 2003 BEPIN DE ETO SOC. AGR. DI CESCHIN ETTORE S.S.   SAN PIETRO DI FELETTO  TV medaglia oro 2011

 
 
 
 
  Filo diretto con Agriturismo Bon Tajer  
 
Invia
 
     

 

 

 

Prodotti 35/59

Next >>

Ricerca

 

Proposto da: Proloco Termoli
Fiadone

 
 

Il fiadone è un tipico prodotto  abruzzese e molisano che si prepara per le feste pasquali, anche se si consuma tutto l’anno, sia nella versione salata, più diffusa nelle aree litoranee, che dolce, più diffusa nelle aree interne.

 
 

Proposto da: Pro Loco Oliveto Lucano
Scarpedd

 
 

Piccole frittelle  insaporite con del "vino cotto", ottenuto dalla bollitura del mosto dell'uva nel periodo della vendemmia

 

 
 

Proposto da: Pro Loco Cecchina
Ciambelline al vino.

 
 

La cucina tradizionale di Albano è molto legata a quella romana, ma conta anche piatti propri che utilizzano il broccolo di coltivazione locale, una varietà dal gusto più delicato (broccolo attufato, lesso coi broccoli), dolci che legano con il vino dei Castelli (ciambelline al vino) e quelle pietanze "povere", tipiche di un'antica cultura contadina, che utilizzano i prodotti dell'orto e le parti meno nobili della macellazione