Proposto da: Consorzio ProLoco Valle di Ledro
Caponec

 
 


La cucina della Valle di Ledro non differisce molto da quella tradizionale trentina, annovera però alcuni piatti locali molto appetitosi e sostanziosi, come la polenta di patate, la peverà e i caponec

 
 

Proposto da: Proloco Termoli
A' frettate chi lecette.. (frittata con alici)

 
 

Tutto il sapore del nostro mare in un piatto...

 
150 piatti, 150 territori » Secondi »  piatto tradizionale Dettagli
  
TORTINO DI PATATE E TOPINAMBOUR
Proposto da:  

Osteria del Borgo 


Via P.Custodi 5

28066

Galliate

Novara

0321-866312


Sito web:   www.osteriadelborgo.eu
     

 

 
Descrizione:
 

Rinomato piatto della cucina piemontese....prodotto principe il Topinambour che in Piemonte chiamano "ciapinabò" largamente usato anche per la bagna-caoda, altra eccornia.......rigorosamente in inverno!

 
Preparazione:
 

Lavare e bollire le 4 patate senza sbucciarle. A cottura ultimata sbucciarle e passarle allo schiacciapatate; Lasciare intiepidire.
aggiungere sale, un cucchiaio di olio extravergine, 2 uova, 200g di farina ed impastare fino ad avere un'impasto leggero. Lasciar riposare.
A parte far soffriggere 1Kg di topinambour ( precedentemente sbucciato ) nel burro e aggiungere uno spicchio d'aglio.....toglierlo subito dopo!
Ungere una teglia da forno, stendere l'impasto di patate, coprire con i topinambour frittiì, irrorare con formaggio sale e pepe mettere in forno gia' a temperatura (200°)  per 15/20 min a gratinare.

 
a questo piatto è stato abbinato il vino:
 

Piatto n. 66

BRUNO BROGLIA  GAVI O CORTESE DI GAVI DOCG 2009 BROGLIA LA MEIRANA  GAVI   AL medaglia argento 2011

Questo vino rappresenta la migliore produzione della Meirana. E' ottenuto dalle uve di vecchi vigneti impiantati negli anni 1953 e 1955. La resa dei vigneti in media nelle diverse vendemmie è dai 30 ai 40 q.li per ettaro. Le uve vengono raccolte in cassette e direttamente trasferite alle presse in modo che i grappoli vi arrivino integri. Le caratteristiche delle uve, per la loro ricchezza di struttura e acidità, permettono di ottenere questo vino adatto alla conservazione, mantenendo i profumi e la freschezza negli anni. Il nome Bruno Broglia è dato a questo vino in onore del fondatore dell'azienda agricola. Il Bruno Broglia si presenta di colore giallo paglierino con riflessi verdolini, brillante: il bouquet fine molto persistente, fruttato e ricorda l'aristocratico profumo delle uve da cui proviene. Si accompagna ottimamente sia con piatti a base di pesce sia con crostacei dove fa meglio risaltare le caratteristiche dell'alta cucina prodotto con uve Cortese del Comune di Gavi 100%
colore Giallo Paglierino intenso, profumo Fine, molto persistente, fruttato, sapore Morbido, equilibrato, dolcemente mentoso

 
 
 
 
  Filo diretto con Osteria del Borgo  
 
Invia
 
     

 

 

 

Prodotti 9/59

Next >>

Ricerca

 

Proposto da: Proloco Termoli
Fiadone

 
 

Il fiadone è un tipico prodotto  abruzzese e molisano che si prepara per le feste pasquali, anche se si consuma tutto l’anno, sia nella versione salata, più diffusa nelle aree litoranee, che dolce, più diffusa nelle aree interne.

 
 

Proposto da: Pro Loco Oliveto Lucano
Scarpedd

 
 

Piccole frittelle  insaporite con del "vino cotto", ottenuto dalla bollitura del mosto dell'uva nel periodo della vendemmia

 

 
 

Proposto da: Pro Loco Cecchina
Ciambelline al vino.

 
 

La cucina tradizionale di Albano è molto legata a quella romana, ma conta anche piatti propri che utilizzano il broccolo di coltivazione locale, una varietà dal gusto più delicato (broccolo attufato, lesso coi broccoli), dolci che legano con il vino dei Castelli (ciambelline al vino) e quelle pietanze "povere", tipiche di un'antica cultura contadina, che utilizzano i prodotti dell'orto e le parti meno nobili della macellazione