Proposto da: Consorzio ProLoco Valle di Ledro
Caponec

 
 


La cucina della Valle di Ledro non differisce molto da quella tradizionale trentina, annovera però alcuni piatti locali molto appetitosi e sostanziosi, come la polenta di patate, la peverà e i caponec

 
 

Proposto da: Proloco Termoli
A' frettate chi lecette.. (frittata con alici)

 
 

Tutto il sapore del nostro mare in un piatto...

 
150 piatti, 150 territori » Secondi »  piatto tradizionale Dettagli
  
"Caponeit" Valsesiani con fonduta di Toma di Campertogno
Proposto da:  

Ristorante Casa Alla Piana  


Relais San Rocco,

Via San Rocco 2

13023 Campertogno (VC)

Tel 0163-77161


Sito web:   www.relaissanrocco.it
     

 

 
Descrizione:
 

"I capuneit" sono involtini di carne e sapori vari, arrotolati in foglie di verza o d’indivia, borraggine o, più nella tradizione, con foglie
di romice conosciute come “rabarbaro alpino”  Scelta la foglia, vengono poi fritti in abbondante burro. In questo piatto  vengono adagiati in un letto  di toma valsesiana, un tipico formaggio a pasta dura o semimorbida, le cui origini risalgono al periodo romano

 
Preparazione:
 

ingredienti per 4 porzioni

   8 foglie di borraggine
   150g di lonza di maiale
   150g di petto di pollo
   150g di polpa di vitello
   100g di ricotta di capra
   4 uova
   un bicchiere di vino rosso
   sale,  pepe,  timo
   1 gambo di sedano
   1 carota
   1 cipolla
   150g di panna
   150g di toma fresca
   100g di farina
   olio d'oliva

   Procedimento
  
   per i caponet:
   Sbollentare le foglie di borraggine   e  raffreddare  subito in abbondante acqua fredda possibilmente con del ghiaccio.
   A parte preparare il ripieno,soffriggere sedano carota e cipolla in un tegame,aggiungere la carne tagliata a cubetti e sfumare i tutto con il vino rosso e cuocere per circa 20 minuti magari aggiungendo un po’ di brodo se asciuga troppo. Lasciar raffreddare e passare il tutto al tritacarne,dopo di che unire la ricotta,due uova ,una spolverata di timo ed aggiustare di sale e pepe. Stendere le foglie di borraggine su un piano e farcirle con il ripieno  chiudendole di modo da ottenere dei cilindretti d circa 10 cm.
A questo punto passarli nella farina e friggerli in padella con poco olio fino a farli dorare. Completare la cottura in forno a 180 gradi per 15 minuti circa

  A parte preparare la fonduta:dopo aver tagliato la toma a cubetti metterla in un tegame  e farla sciogliere a fuoco molto lento continuando a girare fino a quando non si ottiene un composto omogeneo. A questo punto aggiungere la panna poco per volta continuando a girare. una volta che la fonduta ha preso una consistenza fluida,togliere dal fuoco,aggiungere due tuorli d'uovo e passare al mixer ad immersione per togliere eventuali grumi. Se dovesse rimanere troppo liquida, si può aggiungere un cucchiaio di roux ottenuto mescolando un cucchiaio di farina e due cucchiai di olio.

disporre un mestolino di fonduta a specchio su un piatto e appoggiare due caponeit  in centro, decorare con qualche rametto di timo.

 Questo piatto può essere utilizzato sia come antipasto caldo che come seconda portata.   

Chef Ivan Albertin
 


 
a questo piatto è stato abbinato il vino:
 

Piatto n. 64

RUIT-HORA Barbera d’Alba DOC 2005 Az. Agr. GHIOMO DI ANFOSSI GIUSEPPINO  GUARENE  CN medaglia argento 2009

La Barbera d’Alba DOC è un vino di prestigio, ricco di colori che si richiamano in genere al rubino purpureo, proprio quello degli abiti cardinalizi; il profumo è ampio e composito, con note fruttate che ricordano la mora, la ciliegia, la fragola e la confettura di frutti rossi e sentori speziati che richiamano la cannella, la vaniglia, il pepe verde.

 
 
 
 
  Filo diretto con Ristorante Casa Alla Piana  
 
Invia
 
     

 

 

 

Prodotti 5/59

Next >>

Ricerca

 

Proposto da: Proloco Termoli
Fiadone

 
 

Il fiadone è un tipico prodotto  abruzzese e molisano che si prepara per le feste pasquali, anche se si consuma tutto l’anno, sia nella versione salata, più diffusa nelle aree litoranee, che dolce, più diffusa nelle aree interne.

 
 

Proposto da: Pro Loco Oliveto Lucano
Scarpedd

 
 

Piccole frittelle  insaporite con del "vino cotto", ottenuto dalla bollitura del mosto dell'uva nel periodo della vendemmia

 

 
 

Proposto da: Pro Loco Cecchina
Ciambelline al vino.

 
 

La cucina tradizionale di Albano è molto legata a quella romana, ma conta anche piatti propri che utilizzano il broccolo di coltivazione locale, una varietà dal gusto più delicato (broccolo attufato, lesso coi broccoli), dolci che legano con il vino dei Castelli (ciambelline al vino) e quelle pietanze "povere", tipiche di un'antica cultura contadina, che utilizzano i prodotti dell'orto e le parti meno nobili della macellazione