Proposto da: Consorzio ProLoco Valle di Ledro
Caponec

 
 


La cucina della Valle di Ledro non differisce molto da quella tradizionale trentina, annovera però alcuni piatti locali molto appetitosi e sostanziosi, come la polenta di patate, la peverà e i caponec

 
 

Proposto da: Proloco Termoli
A' frettate chi lecette.. (frittata con alici)

 
 

Tutto il sapore del nostro mare in un piatto...

 
150 piatti, 150 territori » Secondi »  piatto tradizionale Dettagli
  
Ravioli alla selvaggina con sugo
Proposto da:  

Ristorante Les Granges 


Fraz. Les Granges, 21

11016

La Thuile

Aosta

0165 883048


335 5355803

Sito web:   www.lesgranges.it
     

 

 
Descrizione:
 

L'idea del piatto è nata utilizzando i prodotti che la natura del nostro territorio ci offre, Selvaggina, funghi e frutti di bosco.

 
Preparazione:
 

Preparazione 20/40 minuti.-Difficoltà media.
Ingredienti per 6 persone.
600 gr. di farina. 6 uova, 1 presa di sale.
Ripieno. 600 gr di polpa di cervo, 1/2 cipolla, 1 carota, 1 sedano, 1/2 bic. di vino rosso, olio ex. vergine di oliva q.b.
Condimento. 200 gr di funghi porcini, frutti di bosco q.b. ( ribes, mirtilli, lamponi ).
Consigli.
Pasta :   Setacciare su un tagliere la farina, fare una fontana al
centro, rompervi le uova aggiungendo sale, mescolare il tutto fino a quando non diventerà sodo e omogeneo, lasciare riposare 30 minuti coperto da un panno.
Ripieno:   Scaldare un filo d'olio in una pentola ed aggiungere un trito di cipolla. carota e sedano lasciando soffrigere. Aggiungere la rarne macinata, regolare di sale e pepe e far rosolare, aggiungere poi il vino portando il tutto a termine cottura.
Condimento:   In un ampia padella con un filo d'olio, cuocere i funghi porcini precedentemente puliti e tagliati. Aggiungere una parte del ripieno (c.a 200 gr ) solo a fine cottura far legare.
Piatto:   Stendere una sfoglia sottile. distribuire il ripieno
aiutandosi con un cucchiaio, chiudere i ravioli schiacchiando bene sui bordi, servendosi di una rotella taglia pasta tagliarli  a quadro omogenei. Lessarli in abbondante acqua salata, non appena cotti farli saltare con il condimento al quale saranno aggiunti i frutti di bosco e servirli  ( è consigliabile dare una leggera scaldata, intiepidirli ai frutti di bosco  per non mescolarli freddi al condimento, perchè non si disfino a bagno maria è la migliore maniera).
Importante:   Il condimento deve essere abbondante.
 

 
a questo piatto è stato abbinato il vino:
 

Piatto n. 110

Rose'  Valle d'Aosta o Vallée d'Aoste DOC 2008 Cave Des Onze Communes Soc. Coop.  AYMAVILLES  AO medaglia argento 2009

 

 
 
 
 
  Filo diretto con Ristorante Les Granges  
 
Invia
 
     

 

 

 

Prodotti 12/59

Next >>

Ricerca

 

Proposto da: Proloco Termoli
Fiadone

 
 

Il fiadone è un tipico prodotto  abruzzese e molisano che si prepara per le feste pasquali, anche se si consuma tutto l’anno, sia nella versione salata, più diffusa nelle aree litoranee, che dolce, più diffusa nelle aree interne.

 
 

Proposto da: Pro Loco Oliveto Lucano
Scarpedd

 
 

Piccole frittelle  insaporite con del "vino cotto", ottenuto dalla bollitura del mosto dell'uva nel periodo della vendemmia

 

 
 

Proposto da: Pro Loco Cecchina
Ciambelline al vino.

 
 

La cucina tradizionale di Albano è molto legata a quella romana, ma conta anche piatti propri che utilizzano il broccolo di coltivazione locale, una varietà dal gusto più delicato (broccolo attufato, lesso coi broccoli), dolci che legano con il vino dei Castelli (ciambelline al vino) e quelle pietanze "povere", tipiche di un'antica cultura contadina, che utilizzano i prodotti dell'orto e le parti meno nobili della macellazione