Proposto da: Consorzio ProLoco Valle di Ledro
Caponec

 
 


La cucina della Valle di Ledro non differisce molto da quella tradizionale trentina, annovera però alcuni piatti locali molto appetitosi e sostanziosi, come la polenta di patate, la peverà e i caponec

 
 

Proposto da: Proloco Termoli
A' frettate chi lecette.. (frittata con alici)

 
 

Tutto il sapore del nostro mare in un piatto...

 
150 piatti, 150 territori
    piatto tradizionale results
Ordina per:
Piatto:   "Fritüra" alla Sunese
Proposto da:   Pro Mottoscarone
Territorio:   Piemonte
Sito Web:   www.festauvafragola.it
Descrizione  

La “fritüra”, il piatto sunese per antonomasia, richiama alla civiltà contadina del passato dove il maiale, e la sua uccisione alla fine  dell'autunno, era uno dei momenti più importanti e attesi dell'anno. Del maiale, come dice il proverbio, non si buttava via niente, e dalla sua carne nasceva una prelibatezza, la frittura, che con pochi e semplici ingredienti non poteva mancare sulle tavole di ogni famiglia sunese, soprattutto durante i lunghi mesi invernali, ma anche in occasione di festività o persino nei matrimoni. La “fritüra”, sinonimo di “sunesità”, era una tradizione in particolare a inizio novembre per la festa di San Carlo Borromeo, patrono della frazione Mottoscarone.

.
Piatto:   Agnolotti gobbi
Proposto da:   comune di asti
Territorio:   Piemonte
Sito Web:   www.comune.asti.it
Descrizione  

L'agnolotto è un tipo di pasta ripiena da tempo radicata nell'astigiano, nel torinese e nell'alessandrino  di cui si trova traccia nei ricettari di cucina del '700. Probabilmente nasce come  piatto povero per il recupero degli avanzi di cucina, ma col passare del tempo è diventato il piatto della festa. L'agnolotto gobbo è quello fatto a mano, quadrato, riconoscibile dalla dentellatura su soli tre lati. La ricetta tradizionale a denominazione comunale è depositata presso il Comune di Asti, e l'Associazione " La Corte dell'agnolotto gobbo " ne cura la promozione.

.
Piatto:   Pasta all'Ossolana
Proposto da:   comunità monatana delle valli dell'ossola
Territorio:   Piemonte
Sito Web:   www.cmvo.it
Descrizione  

In Ossola oggi si mangia bene e gli ingredienti locali a disposizione permettono la più ampia varietà di piatti
Gli strumenti  per la cottura, un tempo erano normalmente in metallo (bronzo, rame, ferro) o in terracotta. A volte si utilizzavano anche le caratteristiche pentole in sasso scavate da quella che viene localmente chiamata "laugera"

.
Piatto:   MǛTA
Proposto da:   Pro Mottoscarone
Territorio:   Piemonte
Sito Web:   www.festauvafragola.it
Descrizione  

L’origine contadina del dolce prevedeva l’utilizzo dell’Uva Fragola tardiva o fatta appassire nelle cassette con conseguente perdita di acqua ed aumento della parte zuccherina. Era il dolce dei poveri Sunesi in quanto spesso non c’erano i fichi secchi a rendere piu’ armonioso l’impasto.
Ancora oggi viene preparata da qualche massaia e da un ex-panettiere in pensione alla fine del mese di Agosto e Settembre per allietare la tavola in occasione dei festeggiamenti dei Santi Genesi patroni del paese.

Pagina 7 di 46Primo   Precedente   2  3  4  5  6  [7]  8  9  10  11  Prossimo   Ultimo   

Ricerca

 

Proposto da: Proloco Termoli
Fiadone

 
 

Il fiadone è un tipico prodotto  abruzzese e molisano che si prepara per le feste pasquali, anche se si consuma tutto l’anno, sia nella versione salata, più diffusa nelle aree litoranee, che dolce, più diffusa nelle aree interne.

 
 

Proposto da: Pro Loco Oliveto Lucano
Scarpedd

 
 

Piccole frittelle  insaporite con del "vino cotto", ottenuto dalla bollitura del mosto dell'uva nel periodo della vendemmia

 

 
 

Proposto da: Pro Loco Cecchina
Ciambelline al vino.

 
 

La cucina tradizionale di Albano è molto legata a quella romana, ma conta anche piatti propri che utilizzano il broccolo di coltivazione locale, una varietà dal gusto più delicato (broccolo attufato, lesso coi broccoli), dolci che legano con il vino dei Castelli (ciambelline al vino) e quelle pietanze "povere", tipiche di un'antica cultura contadina, che utilizzano i prodotti dell'orto e le parti meno nobili della macellazione