FRIULANO COLLI ORIENTALI DEL FRIULI DOC: vino selezionato per Un'Itàlia

Archivio

09

FRIULANO COLLI ORIENTALI DEL FRIULI TOCAI FRIULANO DOC 2009  FERNANDO PIGHIN & FIGLI S. AGR.P.A PAVIA DI UDINE UD medaglia argento  2010

 

Il Colli Orientali del Friuli Tocai Friulano è un vino DOC la cui produzione è consentita nella provincia di Udine.



FRIULANO D.O.C. Friuli Grave

UVAGGI: Tocai Friulano in purezza.
COLORE: Giallo paglierino chiaro brillante con riflessi verdognoli.
BOUQUET: Caratteristico, di ottima intensità, profondo e penetrante, fruttato ed elegante.
SAPORE: Di buon corpo, fresco, ampio, schietto, si nota al retrogusto il lieve sentore di mandorla amara che gli conferisce la tipicità, piacevole e di ottima personalità.
GRADAZIONE: 12,5 % Vol.
ACIDITÀ: Gr./lt. 5,8 in acido tartarico.
ZUCCHERO RESIDUO: Gr./lt.2.
SERVIZIO: Va servito alla temperatura di +10°/+12° C stappato al momento.
ABBINAMENTO: Ottimo come aperitivo, con primi piatti a base di minestre di verdure, eccezionale con i salumi e formaggi stagionati.


Il Friulano è un vino antico che però risulta tra i più giovani del panorama vitivinicolo del Friuli Venezia Giulia. Almeno nel nome. Infatti, la denominazione Friulano esiste ufficialmente dal 2007, anno in cui, ha dovuto sostituire quella di Tocai Friulano.
Il Friulano  è un vino di cui si è parlato molto, negli ultimi 15 anni, per le vicende che in sede di Comunità europea hanno attribuito all'Ungheria l'utilizzo della denominazione Tocai, o Tokay. Il Tocai friulano, benché molti lo considerino quasi un autoctono, perché è da sempre coltivato e consumato nel Friuli Venezia Giulia, in realtà pare appartenga alla famiglia del Sauvignon il Friulano (l'ex Tocai) è il vino bianco per eccellenza di questa regione.
Diffuso anche in tutto il Veneto, è soprattutto una delle gemme assolute dell'enologia friulana, presente in tutte le DOC della regione dal Collio ai Colli Orientali, dalle Grave all'lsonzo, da Latisana ad Aquileia.
Il Friulano migliore nasce su terreni asciutti. Bisogna andare a cercarlo quindi in collina o nelle pianure alluvionali, sassose, dove le piogge scivolano via senza intridere troppo il suolo. Il vitigno è sensibilissimo all'acqua. Basta una sola pioggia nel periodo di maturazione per compromettere il raccolto.
 

Scheda Vino
 

 

abbinato ai piatti di Un'Itàlia:

Piatto n. 23.    Cjalzòns-Proposto da: Ristorante "Al Castello"

 

3884