Il Pane di Riso della Lomellina

Archivio

29

Chiamato anche Micon ad pan ad ris, il Pane di riso è un dolce tipico della Lomellina in provincia di Pavia, regione risicola che difficilmente avrebbe potuto resistere alla tentazione di panificare anche il cereale più coltivato nella zona.
Il Pane di riso è di forma ovale con una spiga disegnata sulla parte superiore. Ha una lunghezza variabile fra 25 e 30 centimetri e un peso di 300 grammi circa. È ottenuto da un impasto di farina di grano tenero, farina di riso, olio extra vergine d’oliva, sale e lievito.Di consistenza piuttosto morbida il Pane di riso ha un sapore delicato e non dolce.

Dopo aver miscelato le farine e averle disposte a fontana, si aggiungono l’acqua tiepida in cui è stato precedentemente sciolto il sale, il lievito e l’olio. Si impasta bene il tutto sino a ottenere un composto omogeneo e di consistenza piuttosto morbida. Si lascia riposare per 30 minuti e in seguito si procede alla formatura. Si lascia riposare una seconda volta per un’ora. Infine, s’incide la superficie dell’impasto con una spiga e si procede alla cottura.
Il riso completo della pellicina (pula) che riveste la parte esterna del chicco si definisce integrale ed è un componente essenziale nelle diete macrobiotiche.

Il Pane di riso è un prodotto tipico della Lomellina, fertile pianura che si estende fra i fiumi Ticino, Po e Sesia. Costellata di belle cittadine ricche di storia e tradizioni, la zona offre ai visitatori grandi spazi e colorati orizzonti. Per secoli la Lomellina é stata un’impraticabile palude, ma le comunità dei monaci nel medioevo, la colonizzazione feudale nel ’200 e le grandi riforme agronomiche introdotte dagli Sforza, che sperimentarono la coltivazione del riso, hanno reso il territorio un mosaico di ricchissimi campi di cereali e in modo particolare di riso. Frumento, mais e foraggio infatti sono stati per secoli le principali coltivazioni. Oggi, invece, la Lomellina è il regno del riso e la provincia di Pavia é divenuta la prima produttrice risicola italiana.

 

fonte buonalombardia

Pubblicato in: Lombardia
2590