Prosciutto cotto al vino di Cori

Archivio

12

Il prosciutto cotto al vino di Cori, in provincia di Latina, vanta una lunga tradizione. La sua preparazione pare abbia un’origine antichissima.

E’ un prodotto genuino dal sapore pulito arricchito dalla presenza delle essenze erbacee locali quali la salvia e il rosmarino. Non è previsto alcun impiego di additivi alimentari e la salatura viene eseguita a secco.

La coscia di suino viene cotta nel forno e la stagionatura dura 16 mesi. Prima di essere cotta viene ‘avvolta’ con erba medica, insaporita con salvia e rosmarino e immersa nel vino bianco.

Ed è proprio il suo sapore così aromatico che lo rende particolarmente apprezzato e riconosciuto. In passato veniva anche denominato "Prosciutto della Madonna", in quanto veniva prodotto nel mese di maggio in occasione della Festa della Madonna S.S. del Soccorso, che si svolge ancora oggi, nella seconda domenica di maggio.

E’ tra i prodotti laziali iscritti nell’Elenco Nazionale dei Prodotti Agroalimentari Tradizionali​ (pubblicato sulla  G.U. n. 142/2012, supplemento ordinario n. 124).


Nel mese di maggio si svolge la festa della Madonna S.S. del Soccorso e prevede, oltre alla lunghissima processione che parte dalla collegiata di Santa Maria della Pietà, attraversa tutta la città di Cori e giunge al santuario della Madonna del Soccorso, una giornata all’insegna della conoscenza dei prodotti tipici locali tra i quali spicca ‘Sua Maestà il prosciutto cotto di Cori’, un prodotto esclusivo di questa terra, che vanta un’antica tradizione

Pubblicato in: Lazio
5306