Pesce a zuppa.. di Ippolito Cavalcanti

Archivio

08

Ippolito Cavalcanti duca di Buonvicino è stato un cuoco e letterato italiano.Discendeva da un'antica famiglia nobile dalla quale proveniva il più famoso poeta Guido Cavalcanti, amico di Dante. Il suo trattato Cucina teorico pratica, pubblicato per la prima volta a Napoli nel 1837 alla quale aggiunge, nella seconda edizione del 1839, l'appendice Cusina casarinola co la lengua napolitana, presenta numerose ricette dell'epoca, provenienti dalle diverse classi sociali


Pesce a zuppa

 Pigliarraje quatto scorfanelli, o pure cuocci pecchè chesso è pesce che nce può fa na zuppa: mettarraje dint’a no tiano, o l’uoglio, o la nzogna, na cepolla ntretata, co no poco de petrosino, e no spicolo d’aglio; la farraje zoffriere e quanno la cepolla s’e’ fatta rossa, nce mettarraje no poco d’acqua, nce farraje dare duje vulli, e p once miette lo pesce; quann’è cuotto te ne servarraje pe nzò che buò.

De la stessa manera farraje pure li merluzzi, li ciefere ec. E co chisto brodo nce può conni’ li maccaruni, nce può cocere la menesta janca o pasta menutola, comme vuò.

 

Pubblicato in: Campania
3314