La "chisolina" mantovana

Archivio

24

Conosciuta sin dai tempi dei Gonzaga col nome di “schizzadas” la schiacciatina, detta localmente anche "chisulina", è un prodotto da forno tipico della tradizione contadina del mantovano, inserita nell'atlante prodotti tipici lombardi,  era l’antico alimento dei contadini che la consumavano al posto del pane durante i lavori in campagna.


La più antica testimonianza sulla Schiacciatina è rintracciabile nel poema "Baldus" pubblicato nel 1517 dal famoso letterato mantovano Teofilo Folengo."Hic quoque Fornari schizzadas atque fugazzas"..,
Le schizzadas erano fatte solo con farina, acqua e sale e venivano cotte sotto la cenere del focolare.

La Schiacciatina è una focaccetta quadrata ottenuta impastando farina di grano tenero, acqua, sale e strutto. Quando l’impasto ha raggiunto la consistenza ottimale si lascia riposare, poi si taglia in tanti pezzi a cui viene data una forma quadrata, dello spessore di pochi millimetri. Si cuoce per breve tempo e si consuma come il pane, spezzandola con le mani. Non contiene conservanti né altri additivi. Di consistenza sottile, la Schiacciatina è di color giallo paglierino e presenta un sapore gustoso e stuzzicante, di strutto e crosta di pane.

Per la preparazione della Schiacciatina s’impastano gli ingredienti: farina, acqua, sale e strutto sino a ottenere un composto omogeneo. In seguito, si procede alla tiratura dell’impasto, lasciato a lievitare nella teglia prima della cottura.

Ingredienti per 8 persone
1 kg di farina tipo "O", 200 g di strutto, 600 g di acqua, 30 g di sale, 30 g di lievito
Preparazione
Impastare gli ingredienti e quando l'impasto ha la consistenza ottimale, lasciarlo riposare. Lievitare per una o due ore, a seconda del clima, poi stendere la pasta e tagliarla in tanti pezzi di forma quadrata o rettangolare dello spessore di pochi millimetri. Cuocere per breve tempo (15-20 minuti) in forno a 200°C

Pubblicato in: Lombardia
2087