San Silvestro

 

18

Zuppa di grano saraceno e code di scampi,
Riso con vongole e porcini
Filetto di tonno al cumino con purè di nasello
Mela e arancia all’aceto balsamico

 


[Leggi tutto...]

Pubblicato in: San Silvestro
18

Alcune abitudini odierne risalgono al periodo medievale, infatti oltre alla differenza tra la cucina del povero e del ricco, della campagna e della città, dei chierici e dei laici, anche le festività scandivano periodi di “magra o di grassa”. Così, troviamo pietanze adatte al Carnevale, al Natale, alla Pasqua, alla Quaresima, proprio come ai giorni nostri


[Leggi tutto...]

Pubblicato in: San Silvestro
28

Gli antichi romani, mangiavano distesi sui "triclinari", appoggiandosi lateralmente sul braccio sinistro e tenendo libero il destro per poter afferrare il cibo dai bassi tavolini diligentemente apparecchiati.

 


[Leggi tutto...]

Pubblicato in: San Silvestro
08

Inserito nella complessa struttura delle corti seicentesche, il cuoco vero e proprio ha dovuto rinunciare al ruolo di primo piano che aveva conquistato nel corso del '500. Più che alla sua esperienza, è necessario che egli faccia ora ricorso a tutta la sua abilità manuale per inventare arditi accostamenti e inedite architetture alimentari.


[Leggi tutto...]

Pubblicato in: San Silvestro