Lombardia

Maccheroni dei Gonzaga

Inusuale ricetta seicentesca della corte dei Gonzaga che prevede l'impiego della frutta secca per condire la pasta. Il piatto fu  ideato da Bartolomeo Stefani, di origine bolognese, cuoco maggiore del Duca di Mantova per molti anni e autore dell'Arte del Cucinare, pubblicato del 1662

[Leggi tutto l'articolo...]


Marche

Sulle tavole di Natale nelle Marche

Il cenone della Vigilia inaugura la grande abbuffata delle feste natalizie e  il grande pranzo natalizio è caratterizzato da molte contaminazioni della tradizione gastronomica di regioni confinanti.

[Leggi tutto l'articolo...]


Sardegna

Sa fregula

Sa fregula è un prodotto tradizionale sardo e sono piccole sfere irregolari di pasta di semola di grano duro e acqua, con forma rustica  dal sapore caratteristico che, dopo la naturale essiccazione e tostatura, assumono la doratura.

[Leggi tutto l'articolo...]


Umbria

Gnocchi di patate al ragù d'oca della mietitura

Nei secoli passati, per la mietitura, le famiglie contadine umbre usavano aiutarsi reciprocamente, riunendosi per la raccolta nei vari poderi e lavorando in gruppo, dimezzando così la fatica

[Leggi tutto l'articolo...]


Piemonte

Antichissimo Tartrà

E' un antico budino povero, salato e pepato, che risale alla notte dei tempi ed ha origine forse spagnola  Oggi lo mangiamo come un raffinato antipasto, ma un tempo era piatto unico delle cascine, specie nei luoghi inverni.

[Leggi tutto l'articolo...]


Toscana

La Pasimata della Garfagnana

La pasimata è un dolce povero  insaporito con semi d'anice che si prepara il giorno della vigilia pasquale e che si porta a benedire, insieme alle uova, il Sabato Santo

[Leggi tutto l'articolo...]


Campania

i friarielli

Nella cucina napoletana i friarielli formano un binomio quasi indissolubile con la salsiccia, con la quale vengono utilizzati come ripieno per panini, o comunque vengono accompagnati con il pane.

[Leggi tutto l'articolo...]


Lazio

Coda alla vaccinara

Nata nel cuore di Roma, nel rione Regola dove abitavano i vaccinari, la coda alla vaccinara è la regina del quinto quarto. Da sempre considerata emblema di una particolare romanità "greve e caciarona" è un piatto che va rivalutato e rispettato

[Leggi tutto l'articolo...]