Lombardia

Il Franciacorta

I documenti del IX, e specialmente del X e XI secolo, come risulta dal Polittico di Santa Giulia, dalle carte di Leno e di altri importanti enti monastici urbani, testimoniano una diffusione colturale della vite sparsa un po’ dappertutto e sono una spia indicativa della continuità, suggellata da significativi rinvenimenti archeologici nella zona, della vitivinicoltura dall’età tardo antica al pieno medioevo in Franciacorta

[Leggi tutto l'articolo...]


Marche

La "crescia"

Nel maceratese si faceva la crescia ogni volta che si faceva il pane, cioè, all’incirca, una volta alla settimana. Non era certo una necessità, ma una sorta di pensiero delicato della massaia nei confronti dei bambini in particolare o degli altri membri della famiglia.

[Leggi tutto l'articolo...]


Sardegna

PORCHEDDU A CARRAXIU

E’ questa la pietanza simbolo della tavola pastorale sarda.Sapori e odori indimenticati che sanno di boschi, di radure ardenti, di mirto bruciato.

[Leggi tutto l'articolo...]


Umbria

Gnocchi di patate al ragù d'oca della mietitura

Nei secoli passati, per la mietitura, le famiglie contadine umbre usavano aiutarsi reciprocamente, riunendosi per la raccolta nei vari poderi e lavorando in gruppo, dimezzando così la fatica

[Leggi tutto l'articolo...]


Piemonte

Lepre in civet

Questa particolare pietanza, in comune con il Piemonte, si cucina tradizionalmente anche con il coniglio, il capriolo, il camoscio e il cinghiale e viene servito con polenta o patate bollite.

[Leggi tutto l'articolo...]


Toscana

La Pasimata della Garfagnana

La pasimata è un dolce povero  insaporito con semi d'anice che si prepara il giorno della vigilia pasquale e che si porta a benedire, insieme alle uova, il Sabato Santo

[Leggi tutto l'articolo...]


Campania

Gragnano e il suo "oro bianco" ora IGP

 La produzione della pasta, in particolare dei "maccaroni", che ha reso famosa Gragnano nel mondo, risale alla fine del XVI secolo

[Leggi tutto l'articolo...]


Lazio

ZUPPA DI CAVOLETTI E BACCALÀ di Velletri

Nell’immediato dopoguerra le campagne veliterne cominciarono ad essere ripopolate dai contadini ritornati dal fronte che, riprendendo le loro attività nei campi, si trovarono ad affrontare le ferite del territorio e la grande miseria causata dal lungo conflitto.

[Leggi tutto l'articolo...]