Categorie
Alimentazione e salute Educazione alimentare

Chiodi di garofano: i migliori antiossidanti naturali

Tutte le spezie in genere pare abbiano proprietà antiossidanti. Tra queste però i chiodi garofano sono risultati quelli più performanti secondo un nuovo studio della Miguel Hernandez University (Spagna).

L’equipe di ricerca guidata dalla dottoressa Juana Fernández-López, ha analizzato il potere antiossidante di alcune spezie, tra cui origano, timo, rosmarino, salvia e chiodi di garofano.
Per testarne l’efficacia si è valutata la maggiore o minore presenza di composti chimici detti “fenoli”.
«Analizzando le proprietà dei chiodi di garofano abbiamo scoperto che questa spezia è in grado di sprigionare idrogeno e ridurre la perossidazione dei lipidi (grassi – Ndr)», ha commentato la dr.ssa Fernández-López.

Questo studio, fanno notare i ricercatori, potrebbe essere di grande importanza, per esempio, nell’applicazione delle sostanze antiossidanti in alimentazione e nei prodotti industriali che devono essere conservati. Attualmente si usano sostanze sintetiche; questa potrebbe essere un’alternativa naturale, economica e rilevante per la salute delle persone.
I risultati della ricerca che sono stati pubblicati sulla rivista “Flavour and Fragrance Journal”, mostrano come tutte le spezie abbiano potere antiossidante, ma i chiodi di garofano «sono una spezia molto versatile», sottolinea Fernandez-Lopez.
Alcuni precedenti studi hanno anche suggerito che alcune di queste come per esempio il timo o l’origano abbiano anche proprietà antibatteriche utili, anche in questo caso, per la conservazione dei cibi.

«I risultati mostrano che l’uso di ossidanti naturali presenti nelle spezie impiegate nella dieta mediterranea, o dei loro estratti, sono una valida opzione per l’industria alimentare, a condizione che le caratteristiche del prodotto alimentare siano buone», spiega Fernandez-Lopez. «Queste sostanze presentano capacità antiossidanti elevate, e potrebbero avere effetti benefici per la salute», conclude la ricercatrice.

fonte LaStampa.it

Condividi con