Categorie
storia degli alimenti

Le credenze popolari a tavola

Alzi la mano chi non ha trascorso la mezzanotte dell’ultimo giorno dell’anno mangiando lenticchie e zampone o, magari, 12 chicchi d’uva (rigorosamente nera se marchigiani o valdostani). Poco importa se la ricchezza, promessa, rimarrà un’utopia. Porta fortuna, meglio farlo e non correre rischi. Il binomio cibo-tradizioni (o cibo-superstizioni) fa parte della storia dell’Italia. E non […]

Categorie
storia degli alimenti

I Ceci .. e la farinata

La pianta del cece proviene dall’Oriente ed è coltivata da tempo immemore in tutti i paesi del bacino mediterraneo . Gli antichi Romani li conoscevano bene: come altri legumi furono usati per dare un nome ad alcune famiglie (Lentuli, Pisoni, da “lenticchie”, “piselli”), anche i ceci (ciceri) contribuirono a dare il nome al celebre oratore […]

Categorie
storia degli alimenti

La pera.. il frutto perfetto

Probabilmente già 4000 anni fa l’uomo si cibava dei frutti di questa pomacea. La produzione avviene da fine agosto e si conserva anche 3-4 mesi in regime di freddo. La pera risulta pertanto disponibile per gran parte dell’anno e si consuma al naturale o cotta in sciroppo di zucchero. Le varietà coltivate sono oltre cinquemila, […]

Categorie
storia degli alimenti

La verza

Tipica verdura orticola assai adattabile, resistente al freddo e diffusa in tutte le latitudini europee, la verza (detta anche cavolo verzotto o cavolo di Milano) appartiene, come il cavolo cappuccio, il cavolfiore, il cavolo rapa, i cavolini di Bruxelles ecc. al genere Brassica delle Crucifere. Il suo valore nutritivo è modesto e può risultare indigesta. […]

Categorie
storia degli alimenti

La Mela Cotogna

Ad ottobre inizia a far capolino sui banchi dei fruttivendoli e fino a novembre quello strano ibrido – solo nella forma! – tra una mela e una pera, Cydonia Vulgaria, della famiglia delle Rosacee, originaria del Medio Oriente, il frutto di Venere, che simboleggiava l’amore e la fecondità. Questa strana mela, compatta, coperta da una […]

Categorie
storia degli alimenti

Il cardo

Il Cardo è una pianta originario del Mediterraneo. Era coltivato già al tempo dei Romani; Plinio, nella sua “Storia Naturale”, lo annovera fra gli ortaggi pregiati. E’ molto affine al carciofo ma presenta un maggior sviluppo in altezza e foglie con picciolo e nervature spessi e carnosi che costituiscono il prodotto utilizzato nell’alimentazione. Le principali […]

Categorie
storia degli alimenti

La nocciola

Durante l’antica Roma, si regalavano piante di nocciòlo per augurare felicità ed in Francia si donavano agli sposi come simbolo di fecondità. Il nocciolo, ampiamente diffuso in tutte le regioni temperate dell’emisfero boreale, è stato uno dei primi fruttiferi utilizzati e coltivati dall’uomo, rappresentando già per le prime popolazioni nomadi un’importante fonte di energia. La […]

Categorie
Le erbe e gli aromi in cucina storia degli alimenti

L’acetosa

Un tempo l’acetosa era una delle verdure più consumate. Oggi, in Italia è pressoché scomparsa dai mercati. Pochi mazzetti di fresche foglie in primavera sul banco di qualche erbivendolo appassionato richiamano antiche abitudini. Ma in Francia l’oseille è ancora onorata tanto sulle tavole umili che su quelle raffinate. L’acetosa comprende un centinaio di varietà, delle […]

Categorie
Le erbe e gli aromi in cucina storia degli alimenti

Il crescione

Il crescione è una pianta erbacea coltivata per le sue foglie commestibili dal gusto un po’ amaro. La sua coltura risale al XVIII secolo e non ha subito grandi evoluzioni. Tutti i lavori di raccolta e di manutenzione si effettuano ancora interamente a mano. Cresce nell’acqua e quando è coltivato su scala commerciale, il luogo […]

Categorie
storia degli alimenti

La zucca.. semina, raccolta, cottura, conservazione

Si puo’ affermare con certezza  che la zucca ha l’anima del viandante, perché, dopo esser stata coltivata in un campo, l’anno successivo non la troverete più li’: al suo posto ci saranno frumento o granoturco. E’ amante dei terreni umidi e fertili e matura durante i mesi piu’ caldi. Poco prima che venga colta, a […]