Categorie
Territorio

Estate tra i sapori alpini e i formaggi di malga

Un’estate all’insegna dei sapori delle Dolomiti tra appuntamenti rinomati come quello sul Botìro di Primiero di Malga e stuzzicanti novità: tra tutte una kermesse di pic nic e merende a cielo aperto, una settimana gastronomica Alla scoperta del Cher de Fascia e ALBEINMALGA per vivere la vera vita in malga quando la malga vive.

Le Dolomiti sono luoghi noti per i loro paesaggi, montagne da cartolina, icone cristallizzate nella memoria ma allo stesso tempo dal profilo sempre nuovo, prati in fiore e boschi dall’aria fresca con un intenso profumo di legno. Ma sono anche luoghi di sapori unici, perché fortemente legati alla natura generosa da cui prendono origine. Tra pascoli, abeti e piccoli paesi alpini si snoda la Strada dei formaggi delle Dolomiti, uno dei tre percorsi del gusto dedicato alle produzioni enogastronomiche del Trentino. Dalla Val di Fiemme a Primiero, passando per la Val di Fassa: tre valli di montagna dove agricoltura e turismo hanno creato un equilibrio che si traduce in un mix eccellente di natura e gusto.
Tappe di questo viaggio sensoriale circa 80 aziende – tra produttori, ristoranti, agriturismi, hotel, B&B, botteghe, enoteche – che si impegnano a valorizzare i prodotti caseari ed altri piccoli e grandi sapori locali. Persone, uomini e donne, che hanno fatto del proprio mestiere un’arte, custode di segreti ed infinite emozioni.
La ricca produzione casearia è caratterizzata da formaggi artigianali e di alta qualità – come il Puzzone di Moena, il Caprino di Cavalese, il Cher de Fascia e la Tosèla di Primiero – che racchiudono gli aromi dei pascoli che li vedono nascere donando al latte qualcosa di unico e speciale. Formaggi che incontrano il profumo di carni, insaccati, miele, birra, piccoli frutti, grappe nelle ricette che combinano tradizione ed innovazione.
Non un semplice itinerario, quindi, ma un intero territorio, dove ognuno può tracciare il proprio percorso del gusto, con un unico consiglio: quello di darsi il tempo per vivere la differenza tra mangiare e assaporare, dormire e riposare, comprare e scoprire.
Diverse le esperienze da vivere lungo la Strada dei formaggi delle Dolomiti, grazie alle numerose iniziative per scoprire prodotti noti e chicche di queste tre valli alpine.

Da diversi anni, una rassegna guida appassionati e curiosi alla scoperta del Botìro di Primiero di Malga con una serie di proposte gastronomiche da gustare in malghe, agritur, ristoranti, enoteche ed hotel da Passo Rolle alla Valle del Vanoi, passando per San Martino e Valle di Primiero. Ogni momento della giornata è buono per scoprire questo burro prodotto con panna cruda, affiorata naturalmente, proveniente degli alpeggi di Malga Fossernica, Rolle e Fosse, diventato Presidio Slow Food: dalla colazione alla cena, passando per l’aperitivo, così come in originali merende a cielo aperto.

Ed ecco, appunto, la prima novità di questa estate: si chiama CHEESE NIC, una kermesse di pic nic e merende eco-gustose nella natura delle Dolomiti. 21 tra ristoranti, agriturismi e hotel associati alla Strada dei formaggi, sono i luoghi dove poter sperimentare una merenda genuina a km 0 abbinata a scorci di vita di montagna. Alcune si legano ad antiche tradizioni come La Marenda tra i lenzoi de le corde a Malga Fossernica, così come facevano i contadini di un tempo, o alla scoperta delle produzioni locali come la Marenda en la Busa per scoprire i prodotti caseari di Malga Sass abbinati al loro miele o la Merenda con gli asini all’Agritur Dalaip dei Pape dove sarete protagonisti di un’originale spuntino itinerante nel cuore del Parco Naturale di Paneveggio – Pale di San Martino per poi raccogliere le fragole e farne un gustoso vasetto di confettura. In calendario anche alcuni appuntamenti natural-chic come il Cheese Cooking, per sperimentare in un delizioso giardino alcune delle ricette più rinomate, a base di Caprino di Cavalese, della cucina di Maurizio Tait del ristorante Costa Salici, o il Cheese nic del benessere in Val di Fassa dove l’Active Hotel Olympic vi propone una giornata con escursione di nordic walking, percorso kneipp naturale con tanto di sorgente e un pic nic in stile ladino con tanto di cestino e plaid. Due le occasioni di merenda per conoscere da vicino la cultura del territorio, attraverso il Tour del Sentiero Etnografico del Vanoi (tutti i mercoledì) e il Sentiero delle Leggende  (tutti i giovedì) con partenza da Museo Ladino di Fassa ai piedi del Cantinaccio.
Questi solo alcuni degli appuntamenti in programma di un calendario (www.stradadeiformaggi.it) che copre interamente i mesi di luglio e agosto, da intersecare con l’intenso programma dei Suoni delle Dolomiti (www.suonidelledolomiti.it ) per una giornata densa di emozioni tra musica e sapori da vivere a stretto contatto con la natura.

Dalle merende passiamo all’alba, anzi alle albe. Sei gli appuntamenti di #ALBEINMALGA lungo la Strada dei formaggi delle Dolomiti che propongono situazioni diverse ma uniche per vivere la malga in maniera autentica nel momento in cui la malga vive: dagli scenari spettacolari di Malga Contrin, nel cuore delle Dolomiti di Fassa, o di Malga Juribello e Malga Canali, al cospetto delle Pale di San Martino, ai luoghi più nascosti e affascinanti come Malga Sass, Malga Sadole e Malga Fossernica. Per ogni data un programma diverso, incontri con malgari e storie che lasciano il segno a tal punto da metterne subito almeno un paio in agenda e prenotare con anticipo, visto che i posti sono limitati (www.visittrentino.it/albeinmalga).
Per pochi ma fortunati ospiti anche In malga sotto le stelle, escursione serale guidata a cura del Parco Naturale di Paneveggio fino a Malga Canali con visita alla stalla, dimostrazione della lavorazione del burro e degustazione delle antiche ricette di Primiero attorno ad un falò … sotto una volta celeste piena di stelle.

Parlando di storie, dalla cultura materiale passiamo all’arte delle scrittura. A San Martino di Castrozza ritorna DolomiIncontri, con un interessante palinsesto di autori (tra i nomi di spicco Nada Malanima, Antonella Boralevi, Andrea de Carlo) e libri che parlano di attualità e ambiente. Al termine di ogni appuntamento una degustazione con i prodotti del territorio ed i vini trentini testimonial, dal Trentodoc al Marzemino, passando per Teroldego, Nosiola e Müller Thurgau. Protagonista anche la Birra artigianale di Primiero, prodotta dal nuovo Birrificio BioNoc’.

Dalle Pale di San Martino ci si sposta in Val di Fassa con tre appuntamenti importanti.

Tra le vie di Vigo di Fassa torna Entorn Vich (9 e 23 luglio e 7 e 20 agosto) per gustare le ricette della cucina ladina abbinate ai vini trentini, con musica e folklore. In quota, nella splendida conca del Ciampedie, va in scena la terza edizione de Il Banchetto di Re Laurino una cena itinerante di rifugio in rifugio, tra il calar del sole e il sorgere delle luna, con antichi piatti abbinati a vini, birra artigianale e grappe selezionate dalle Strade del Vino e dei Sapori del Trentino.

 

Dal 18 al 25 agosto, infine, si svolge la prima edizione di Alla scoperta del Cher de Fascia una settimana gastronomica dedicata al protagonista caseario di questa terra ladina: il Cher de Fascia, che tradotto significa Cuor di Fassa. In programma menù dedicati, aperitivi, degustazioni, laboratori per grandi e piccini, visite guidate al nuovo caseificio e all’annessa sezione del Museo Ladino di Fassa dedicata alla caseificazione. Ad aprire le danze, il 18 agosto, un appuntamento da non perdere con A pè ta mont, tra antichi saperi e sapori per un suggestivo e divertente itinerario gastronomico nella conca del Fuciade. Tra le novità un laboratorio dedicato ai più piccoli per realizzare il loro formaggio in compagnia del casaro.

Tante altre occasioni per i bambini nel corso dell’estate per imparare a conoscere i prodotti locali divertendosi: dal Marendol dei popi (23 agosto, Fiera di Primiero), alla Festa de Canederlo (31 agosto, Imer), fino ai gettonatissimi laboratori di Paolo Pasticcio (8 settembre, Cavalese). E per i piccoli ospiti degli hotel aderenti al progetto Dolomiti Family Fun (San Martino di Castrozza e Primiero – www.sanmatino.com ) un programma all’insegna di natura, sport e sapori locali con visite in fattoria, attività ludico-didattiche, gite in malga e tanto altro.

Si arriva così a settembre, quando è tempo di desmontegar, con mucche e caprette che ritornano in valle dalla “villeggiatura” sugli alpeggi in quota. Tre gli appuntamenti che si susseguono nei finesettimana. Si comincia in Val di Fiemme con la Desmontegada de le Caore (7-9 settembre, Cavalese) dove pedalate golose, degustazioni guidate e apertivi suggestivi fanno da preambolo alla feste della domenica, ricca di iniziative per grandi e piccini. Da questo momento prende il via anche Magnifici Prodotti di Fiemme, la 10 giorni gastronomica che fa da ponte tra una desmontegada e l’altra con visite ai luoghi di produzione per scoprire i segreti di Formae Val di Fiemme, speck, luncaniche, miele, Birra di Fiemme e grappe artigianali tradizionali e una serie di menù a tema. Per chi vuole pernottare qualche notte, delle interessanti proposte vacanza all’insegna di Tradizione e Gusto, binomio da cui prende il nome anche il club di prodotto che raggruppa produttori, ristoranti, agriturismi e strutture ricettive che valorizzano queste due dimensioni di vacanza (www.visitfiemme.it ).

Il tutto si conclude con la Desmontega de le vache (14-15 settembre, Predazzo) dove la festa dei contadini del paese diventa un incontro con gli ospiti mantenendo la sua dimensione autentica e spontanea.

A dare il saluto all’estate ci pensa la Gran Festa del Desmontegar (19-22 settembre, San Martino di C, Primiero e Vanoi) con la sfilata della domenica che è il momento culminante di quattro giorni dedicati all’allevamento, alla tradizione e ai prodotti caseari di Primiero. El marendol del mazarol, Agritur in Fiera (quest’anno interamente dedicato al mondo del miele) e En di al Maso sono i tre principali appuntamenti che precedono la grande festa che da il benvenuto all’autunno.

INFO

Strada dei formaggi delle Dolomiti
www.stradadeiformaggi.it

Condividi con