Categorie
Toscana

La panzanella

La panzanella, chiamata anche “panmolle”, è un piatto tipico toscano e del resto dell’Italia centrale (Umbria, Marche e Lazio) La panzanella era la colazione dell’estate, fatta con il pane avanzato, perché d’inverno la colazione si faceva con la polenta. La ricetta originale prevede pane raffermo, pomodoro crudo a pezzi, cipolla rossa, basilico e un cetriolo, […]

Categorie
Toscana

La pappa al pomodoro

L’origine contadina di questo gustosissimo primo piatto è testimoniata dai suoi ingredienti: pane casalingo toscano (non salato) raffermo, pomodori, spicchi d’aglio, basilico, brodo, Olio di oliva”>olio di oliva extravergine toscano, sale e pepe  La pappa col pomodoro, come tutta la cucina di un tempo, quella della gente comune, non ha ricette canoniche; il piatto si […]

Categorie
Toscana

Testarolo della Lunigiana

Il testarolo è un antico pane senza lievito (azzimo) di forma circolare, con basso spessore (circa 2-3 mm) e diametro di circa 40-45 cm. Ha aspetto consistente ma spugnoso e pasta di colore biancastro, tendente al marroncino. Esternamente, la parte venuta a contatto con il piano di cottura presenta colorazione bruno intenso, mentre la parte […]

Categorie
Toscana

Il Castagnaccio

Il castagnaccio (localmente conosciuta anche come baldino o ghirighio o patona) è una torta di farina di castagne tipica delle zone appenniniche di Toscana, Liguria, Emilia e Piemonte. Si tratta di un piatto tipicamente autunnale che si ottiene facendo cuocere nel forno un impasto di farina di castagne, acqua, olio extravergine d’oliva, pinoli e uvetta. […]

Categorie
Toscana

La Scottiglia Toscana

La cucina aretina si caratterizza per il gusto saporito dei suoi piatti e per le ricette di carne. La Scottiglia è un piatto antichissimo, tipico del Casentino. C’è chi la fa risalire al medioevo, ma anche chi pensa fosse gia’ conosciuta  addirittura in epoca etrusca.E’ uno di quei piatti che la cucina contadina ci ha […]

Categorie
Toscana

La ribollita Toscana

La ricetta della ribollita si trova in più versioni, infatti è uno di quei piatti “poveri” che venivano preparati “con quello che c’era” (se c’era), spesso vengono messe le bietole, ma secondo me è meglio senza. Io ho usato la ricetta, per me più buona in assoluto, che è quella di  mia mamma. In passato […]