Categorie
Uncategorized

Cioccolato siciliano principe di una due giorni all’Antico Mercato

Oltre mille gli appassionati del cioccolato in questo goloso weekend  che ha visto ancora una volta il cioccolato siciliano principe di una due giorni all’Antico Mercato di via Trento, in Ortigia. L’inaugurazione della mostra delle eccellenze siracusane e ragusane ha visto la presenza del sindaco di Siracusa, Roberto Visentin e dell’assessore alla Cultura Sandro Speranza, colui che ha voluto con forza sponsorizzare l’evento allegandole alle iniziative più significative messe in calendario per questo Luci a Siracusa 2009.

“Cioccolato che passione!” nasce da un’idea della SGB Service, col patrocinio appunto del Comune di Siracusa. La manifestazione non è nuova da queste parti. E’ giunta quest’anno alla sua quarta edizione e vuole coniugare percorsi culturali con la degustazione del “cibo degli Dei”. “Il cioccolato quindi come “prodotto culturale” – dice Barbara Bufardeci della SgB Service attraverso il richiamo alla produzione artigianale e straordinaria di alcuni operatori siciliani che ne hanno fatto un biglietto da visita di una Regione che si pone con orgoglio a rappresentare una certa visione del mondo fortemente legata alla qualità”.

L’inaugurazione ha visto anche la presenza, tra gli altri, di alcuni personaggi politici, come l’on. Enzo Vinciullo, e del comandante dei Carabinieri. Ma anche il mondo della cultura e dell’artigianato è stato richiamato dall’interesse che occupa il cioccolato nella scala dell’economia turistica.

Gli operatori che hanno collaborato all’evento sono Bonajuto e Sadibuono di Modica, Dolceria Modicana e Pasticceria Giannone di Scicli, Caffè Porta Reale di Noto, Antica pasticceria Corsino di Palazzolo, Nuova Dolceria di Ferla, pasticceria Brancato di Siracusa.

A conclusione, la performance dell’Amira, Associazione Maitre Italiani Ristoratori e Albergatori guidati da Sergio Manenti, primo maitre di Villa Politi, sull’arte del flambage e la degustazione finale delle sublimi creepes al cioccolato di Modica. Il tutto annaffiato con dell’ottimo vino locale messo a disposizione dalle aziende vinicole più rinomate.

Condividi con