Categorie
rinascimentale-moderno

Un antipasto del XVI secolo: panunto con provatura

La ricetta è tratta dalla La singolar  Dottrina di Domenico Romoli (prima edizione 1560). Non si sa molto sulla vita di Domenico Romoli.. E ‘chiaro che deve aver vissuto nel 16 ° secolo (vedere l’anno della pubblicazione del suo libro), e uno dei suoi contemporanei lo ha descritto come “un signore fiorentino, esperto nell’arte della cucina e corte, con un profonda conoscenza degli autori classici e moderni “.

Aveva un soprannome, “Panunto” (pane e  olio). Era orgoglioso di questo, perché sul frontespizio del suo libro cita. Domenico Romoli sopranominato Panunto.

Quando havrete fatte le le fette del pane nel mododella rignonata et abbruscate, mettetetele a soffriggere con butiro, rivolgetele una volta, distendete le fette nella padella, et mettetevi per ciascuna una fetta sottile di provatura fresca; mettasi di sopra il coperchio caldo, e come la provatura sarà risolata, spruzzivisi u poco di acqua rosa, et mettavi di sopra il zuccaro et cannella; cavate poi, mandatele in tavola, et Sopra tutto operate che si mangino calde (R V 67).

Pane con formaggio di bufala fresca.
Quando avete preparato le fette di pane e le avrete tostate, le passate, in un tegame, nell’olio caldo.. una volta, disposte in padella e fatte rosolare da ambo le parti, coprire ogni fetta con una fetta sottile di formaggio provatura fresca. Coprire con un coperchio riscaldato, e, non appena il formaggio è fuso, cospargere con qualche goccia di acqua di rose. Poi cospargere di zucchero e cannella. Aspettare un attimo, poi portarle al tavolo, e mangiare i crostini ancora caldi.

Secondo la ricetta è necessario utilizzare “provatura”, un formaggio fresco prodotto con latte di bufala. La differenza tra Mozzarella e provatura è soprattutto il luogo di origine: il formaggio provatura è fatto nelle vicinanze di Roma, la mozzarella è prodotta vicino a Napoli.
 Originariamente questi formaggi erano a base di latte di bufala, ma al giorno d’oggi sono per lo più a base di latte di mucca

 

 

Condividi con