Categorie
rinascimentale-moderno

Crema Chantilly

Come tutte le creme non poteva mancare dalle tavole barocche, perché era un piacere ed un divertimento lasciato ai commensali di poter guarnire a piacimento le portate con salse e creme varie. La leggenda vuole che l’invenzione si deve all’estro di un cuoco che rimasto senza crema ha ben pensato di montare la poca che […]

Categorie
rinascimentale-moderno

Il barocco in tavola

Lasagne di magro 4-6 persone 200 gr di pan grattato 5 mandorle pelate e 10 noci, 4 spicchi d’aglio, olio, 150 gr parmigiano grattugiato, 150 gr.burro, 2 cucchiaini pepe nero in grani, 1 cucchiaino maggiorana secca. Per la sfoglia delle lasagne 400 gr.farina, 4 uova. Procedere con la preparazione della sfoglia che si fara’ riposare […]

Categorie
Antico Vino

Il vino nell’antica Roma

Nullam, Vare, sacra vite prius severis arborem (Non piantare, o Varo, alcun albero prima della vite sacra). E’ questa la raccomandazione che Orazio, ripetendo quanto già era stato espresso dal poeta greco Alceo, rivolge all’amico Varo, ricordando così quanto fosse importante la coltivazione di questa pianta. In Plinio poi, si legge che l’Italia, per quanto […]

Categorie
Antico

Il cacio ai tempi dei Romani: la giuncata di Columella

Columella, Lucio Giunio Moderato (I secolo d.C.), scrittore latino nato a Cadice, in Spagna, probabilmente in una famiglia dell’aristocrazia provinciale. Tribuno di una legione stanziata in Siria, si stabilì successivamente a Roma o nelle vicinanze, dove si dedicò all’agricoltura. La sua opera, il trattato De re rustica (Dell’agricoltura), affronta appunto questo argomento, di cui già […]

Categorie
Antico

TONNO BRASATO IN SALSA LEGATA di Marco Gavio Apicio

Questa ricetta è una versione moderna di un piatto proposto nell’unico testo, giunto a noi, di gastronomia dell’antica Roma, il De re coquinaria (L’arte culinaria) attribuito a Marco Gavio, detto Apicio, un ricco patrizio che visse sotto gli imperatori Augusto e Tiberio. L’opera raccoglie 450 ricette che spaziano dalla preparazione delle carni tritate alla conservazione […]

Categorie
Antico

A cena con Apicio

Insalata di pollo all’apiciana Sala cattabia Apiciana adicies in mortario apii semen, puleium aridum, mentam aridam, gingiber, coriandrum uiridem, uuam passam enucleatam, mel, acetum, oleum et uinum. conteres. adicies in caccabulo panis Picentini frustra, interpones pulpas pulli, glandulas haedinas, caseum Uestinum, nucleos pineos, cucumeres, cepas aridas minute concisas. ius supra perfundes. insuper niuem sub hora […]

Categorie
rinascimentale-moderno

delle salse e dei condimenti: l’agresto

Non sarebbe bastato descrivere i vari generi di vivande se non aggiungessimo anche le salse che sono atte a stimolare l’appetito perduto.Sopratutto a questo fine ritengo sia da approvare l’uso delle salse, specie nel caso che l’appetito sia venuto meno in conseguenza a una malattia o per il troppo caldo o per l’onesto lavoro. Se […]

Categorie
medioevale

Spezie fini per piatti Medievali

Le spezie nei secoli XIV, XV eXVI ebbero un ruolo rilevante nei condimenti dei cibi come mai è accaduto nella storia dell’alimentazione. Del perchè venissero usate così intensamente si è scritto molto, per alcuni sarebbero servite per conservare le carni o per nascondere il cattivo sapore di quelle mal conservate ma queste tesi si sono […]

Categorie
medioevale storia degli alimenti

Il Cibo Contadino nel Medioevo

  Spiegare le pratiche alimentari del mondo contadino è estremamente difficile, perché la cucina dei poveri non è stata scritta e per ricostruirla bisogna necessariamente ricorrere o agli indizi archeologici o alle informazioni distribuite nei censimenti, nei testamenti, negli inventari post-mortem o in quelle rintracciabili nei documenti che ci parlano dei banchetti funebri. I censimenti […]

Categorie
rinascimentale-moderno

Gli asparagi di Ippolito Cavalcanti Duca di Bonvicino (1847)

Asparagi fritti Per 6 persone 2 kg di punte di asparagi,  3 uova, abbondante olio per friggere, farina, pangrattato, sale e pepe Legare gli asparagi e farli cuocere, al dente,  dritti in una pentola con poca acqua in modo che le punte si cuociano a vapore e restino asciutte. Scolarli con attenzione per non rompere […]